Archetipi e frattali

Titolo Rivista: STUDI JUNGHIANI
Autori/Curatori: Marco Zanasi
Anno di pubblicazione: 2000 Fascicolo: 12 Lingua: Italiano
Numero pagine: 14 P. Dimensione file: 43 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’Autore ritiene che la Teoria del Caos possa fornire un utile contributo per una migliore comprensione di alcuni specifici aspetti della Psicologia Analitica. In particolare l’invarianza di scala e l’autosomiglianza, tipiche della struttura dei frattali, sembrano potersi ritrovare nella peculiare modalità di funzionamento, di elaborazione e di proiezione sul mondo (sogni, strutture dell’immaginario, concezioni del mondo, ecc.) della mente. Attraverso una serie di riferimenti che attingono a vari aspetti del funzionamento del sistema mente-cervello, l’Autore suggerisce l’esistenza di un complesso quadro isomorfico ed autosomigliante che, in un continuum gerarchicamente organizzato, va dal biologico al religioso passando per la psiche individuale; tale continuum, alla cui base stanno determinanti archetipiche, ha la configurazione tipica di un insieme frattale. L’archetipo presenta molte caratteristiche dell’insieme frattale: così come questo è caratterizzato dalla semplicità algoritmica, l’archetipo presenta una notevole semplicità, che è il frutto della sedimentazione di temi che si ripetono costantemente nella storia dell’umanità. A questa semplicità tematica, però, come nel caso dell’insieme frattale, sviluppato graficamente in figure di complessità straordinaria, corrisponde una messe sterminata ed inesauribile di produzioni immaginali, simboliche, oniriche, mitiche, teologiche, cosmogoniche, artistiche, ecc. Gli archetipi, proprio per la loro natura frattale, funzionerebbero da attrattori caotici del sistema di stati costituito dai processi mentali, introducendo sempre nuova informazione attraverso l’amplificazione della imprevedibilità iniziale. Da questa azione deriva la sterminata e, imprevedibile, varietà di immagini, creazioni, miti, credenze, visioni, progetti, comportamenti, che, pur nel solco di alcune semplici tracce tematiche archetipiche, l’umanità ha prodotto e continua a produrre in piena libertà creativa.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Marco Zanasi, Archetipi e frattali in "STUDI JUNGHIANI" 12/2000, pp , DOI: