Clicca qui per scaricare

I paradossi del Sé. II: Molteplicità e integrazione (il punto di vista degli junghiani)
Titolo Rivista: PSICOTERAPIA E SCIENZE UMANE 
Autori/Curatori: Stefano Fissi 
Anno di pubblicazione:  2002 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  17 Dimensione file:  80 KB

Mentre il Sé degli autori freudiani è un Sé relazionale, bipersonale, diadico, il Sé junghiano è monopersonale, legato a un lavoro di differenziazione dal collettivo e di approfondimento interiore. Il Selbst è comunque una struttura funzionale sovraordinata, che presiede al processo di auto-organizzazione della psiche. È l’espressione della struttura psichica complessiva, della centrazione psichica e dell’unione degli opposti. Intrattiene un rapporto paradossale con l’Io, di reciproca filiazione e di rimando circolare. Il Sé viene acquisito attraverso il processo d’individuazione, che è una rivisitazione e una riacquisizione personale delle esperienze fondamentali dell’umanità. Tra le attuali teorie psicologiche, quella che si attaglia maggiormente alla problematica dell’individuazione lungo un percorso archetipico è la teoria dei sistemi motivazionali; questi, al pari degli archetipi, possono essere visti come modelli di regolazione e organizzazione della relazione Sé-oggetto trasmessi ereditariamente e sviluppati nella relazione col fornitore di cure, che devono essere acquisiti e padroneggiati progressivamente per un’armoniosa realizzazione del Selbst.


Stefano Fissi, in "PSICOTERAPIA E SCIENZE UMANE" 4/2002, pp. , DOI:

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche