Clicca qui per scaricare

Fratelli sani di bambini disabili: possibili indicatori di rischio di evoluzione psicopatologica
Titolo Rivista: TERAPIA FAMILIARE 
Autori/Curatori: Donatella Fara, Ulla Seassaro, Anna Maria Sorrentino, Maria Caterina Cattaneo, Lidia Del Piccolo, Massimo Molteni 
Anno di pubblicazione:  2003 Fascicolo: 73 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  22 Dimensione file:  326 KB

Scopo della presente ricerca è quello di indagare il rischio di evoluzione psicopatologica nei fratelli sani di bambini disabili. Per questo scopo abbiamo selezionato un campione sperimentale di 48 famiglie e un campione di controllo di 31 famiglie con le stesse caratteristiche, ad eccezione della variabile handicap. Ad entrambi i gruppi è stato somministrato un protocollo di ricerca composto da: Child Behaviour Checklist, The Family Adaptability and Cohesion Evaluation Scale ed il Parenting Stress Index. I risultati hanno evidenziato una maggiore incidenza di rischio di evoluzione psicopatologica nei fratelli sani di bambini disabili rispetto ai fratelli del campione di controllo. Le variabili dello stress genitoriale e della coesione familiare hanno prodotto risultati significativi. Abbiamo trovato livelli di stress più elevato nel gruppo sperimentale, ma nessuna correlazione significativa tra stress parentale e rischio di evoluzione psicopatologica nei fratelli sani. La percezione dei padri di una bassa coesione familiare è una dimensione relazionale significativa, forse la più significativa, che è correlata con l’evoluzione psicopatologica nei fratelli sani. Questi risultati producono un cambiamento nelle linee di ricerca che privilegiano la diade madre/bambino disabile, tradizionalmente investigata, per porre l’attenzione sulla diade padre/fratello sano.


Donatella Fara, Ulla Seassaro, Anna Maria Sorrentino, Maria Caterina Cattaneo, Lidia Del Piccolo, Massimo Molteni, in "TERAPIA FAMILIARE" 73/2003, pp. , DOI:

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche