Clicca qui per scaricare

La natura transculturale dell'archetipo
Titolo Rivista: STUDI JUNGHIANI 
Autori/Curatori: Ilaria Begliomini 
Anno di pubblicazione:  2003 Fascicolo: 18  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  19 Dimensione file:  153 KB

Jung si è disposto alle prime etnoanalisi della storia della psicologia del profondo, se con questo termine intendiamo un’analisi che si ponga il problema di coniugare i fattori terapeutici tradizionali per la concezione occidentale con quelli tradizionali per culture altre, nel rispetto assoluto delle origini di ciascun individuo. Da questo punto di vista Jung può essere confrontato con l’etnopsichiatra francese Nathan, che risponde alla domanda di cura di migranti, riattivando la forza terapeutica delle pratiche tipiche del villaggio, derivanti direttamente dall’inconscio collettivo e per questo archetipizzabili. Tali individui sono in grado di comprenderle nel loro significato simbolico, mettendosi così nuovamente in relazione con il proprio profondo attraverso i loro referenti culturali. Ci sono, nel pensiero junghiano, alcuni elementi da rileggere in un’ottica etnoanalitca che possono aprire alla riflessione teorica sulla matrice simbolica dell’essere umano e ispirare la conduzione di eventuali terapie analitiche con individui appartenenti a culture altre: il Sé, l’amplificazione, l’immaginazione attiva. Questi consentono un ulteriore confronto, transculturale, del pensiero junghiano con quello dello psicologo cileno Jodorowskj, la cui terapia consiste nell’inviare all’inconscio simboli da decifrare invece di interpretare con il linguaggio corrente i messaggi che l’inconscio produce (sintomi).


Ilaria Begliomini, in "STUDI JUNGHIANI" 18/2003, pp. , DOI:

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche