Clicca qui per scaricare

Madri surrogate: la costruzione di un nuovo ruolo sociale attraverso internet
Titolo Rivista: PSICOLOGIA DELLA SALUTE 
Autori/Curatori: Adriano Zamperini, Patrizia Pezzali 
Anno di pubblicazione:  2003 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 Dimensione file:  79 KB

In questo articolo presentiamo parte di una ricerca più ampia condotta sulla rappresentazione sociale della nascita tecnologica, così come viene presentata dalla comunicazione di massa. La novità del tema e la rapidità con cui quest’ultima frontiera del progresso scientifico-tecnologico è entrata a far parte del senso comune e dell’opinione pubblica attribuiscono importanza al ruolo giocato dalla televisione, da Internet, da quotidiani e settimanali nel processo di costruzione della rappresentazione sociale delle nuove tecnologie riproduttive. L’obiettivo di questa ricerca era analizzare il nuovo ruolo sociale di madri surrogate attraverso resoconti personali diffusi da siti Internet. I testi presi in esame (n. 23) sono stati analizzati mediante un programma di elaborazione francese (Sistème portable pour l’analyse des données textuelles Spad-T), utilizzato per l’analisi del contenuto di differenti tipi di testo, il quale realizza l’analisi fattoriale a partire da variabili di tipo qualitativo (analisi delle corrispondenze). I nuclei tematici fondamentali della rappresentazione delle madri surrogate fornita da Internet sono: il desiderio di genitorialità; la maternità come progetto familiare; la maternità surrogata come donazione; la maternità surrogata come soluzione alternativa a una condizione di sterilità. I risultati ottenuti, confrontati con quelli di altre ricerche, permettono di comprendere la problematicità del senso comune e le strategie discorsive alla base della costruzione sociale di questo nuovo ruolo.


Adriano Zamperini, Patrizia Pezzali, in "PSICOLOGIA DELLA SALUTE" 1/2003, pp. , DOI:

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche