Costruire a partire dalle rovine Figure dialettiche fra catastrofe e progresso

Titolo Rivista: SOCIETÀ DEGLI INDIVIDUI (LA)
Autori/Curatori: Andrea Tagliapietra
Anno di pubblicazione: 2008 Fascicolo: 31 Lingua: Italiano
Numero pagine: 20 P. 18-37 Dimensione file: 196 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’articolo prende le mosse dal terremoto di Lisbona (1755) come paradigma del significato moderno di catastrofe e analizza gli scritti filosofici sul disastro lusitano di Voltaire, Rousseau e Kant. Il terremoto che distrusse la città di Lisbona e molte migliaia dei suoi abitanti, turbò il Secolo dei lumi e colpì le migliori menti d’Europa. Da allora, le moderne concezioni del male si adoperarono nel tentativo di smettere di incolpare Dio per la condizione del mondo per prenderne la responsabilità nelle nostre mani, come testimonia la meditazione di Volney (1791) sulle rovine. Hegel, nelle sue lezioni sulla filosofia della storia, svilupperà il pensiero sulle conseguenze della catastrofe in chiave dialettica: l’avanzamento della storia consiste nel costruire a partire dalle rovine.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Andrea Tagliapietra, Costruire a partire dalle rovine Figure dialettiche fra catastrofe e progresso in "SOCIETÀ DEGLI INDIVIDUI (LA)" 31/2008, pp 18-37, DOI: