Che cosa significa essere privati di un mondo?

Titolo Rivista: SOCIETÀ DEGLI INDIVIDUI (LA)
Autori/Curatori: Jonathan Lear
Anno di pubblicazione: 2008 Fascicolo: 31 Lingua: Italiano
Numero pagine: 22 P. 38-59 Dimensione file: 402 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Siamo creature che hanno bisogno di dare senso alle cose. Non si tratta soltanto di un’importante esigenza psicologica, ma di una condizione per poter essere chi siamo. Ma a quali condizioni le cose possono avere senso? Un modo per studiare l’intelligibilità la possibilità, cioè, che le cose abbiano senso consiste nel prendere in considerazione quelle situazioni in cui l’intelligibilità sembra venir meno. Comprendendo queste condizioni-limite quando e perché le cose smettono di avere senso possiamo forse capire da che cosa dipenda l’intelligibilità. I membri della nazione indiana dei crow sperimentarono qualcosa di simile a un crollo del significato, dopo il loro ingresso nella riserva. Analizzare la loro toccante vicenda può aiutarci a capire meglio che cosa significhi essere privati di un mondo.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Jonathan Lear, Che cosa significa essere privati di un mondo? in "SOCIETÀ DEGLI INDIVIDUI (LA)" 31/2008, pp 38-59, DOI: