Catastrofe, collasso, decrescita Sguardi sulla fragilità della civiltà

Titolo Rivista: SOCIETÀ DEGLI INDIVIDUI (LA)
Autori/Curatori: Marco Deriu
Anno di pubblicazione: 2008 Fascicolo: 31 Lingua: Italiano
Numero pagine: 14 P. 73-86 Dimensione file: 153 KB
DOI:
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Lo stupore e l’incredulità che i contemporanei mostrano verso le realizzazioni monumentali e scientifiche delle civiltà passate è un sintomo della nostra concezione progressista e lineare della storia. Per molto tempo i crolli delle civiltà passate sono stati visti come eventi unici e misteriosi di difficile comprensione. Ma alcuni recenti studi ci ricordano che per la maggior parte della sua storia evolutiva l’umanità ha vissuto in forme sociali piuttosto semplici. È la realtà delle società complesse che rappresenta un’eccezione da spiegare. Il collasso ecologico e politico di simili società allora non appare più un mistero, ma un problema e una possibilità che interroga anche la nostra civiltà moderna. Osservare l’esperienza delle civiltà passate può dunque permetterci di imparare qualcosa, di ‘pensare’ il collasso e agire con più saggezza per prevenirlo.

    Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (400) Bad Request.

Marco Deriu, Catastrofe, collasso, decrescita Sguardi sulla fragilità della civiltà in "SOCIETÀ DEGLI INDIVIDUI (LA)" 31/2008, pp 73-86, DOI: