"È solo il modo in cui li indossi!" Identità delle gang e processi di embodiment

Titolo Rivista: MONDI MIGRANTI
Autori/Curatori: Robert Garot
Anno di pubblicazione: 2008 Fascicolo: 3 Lingua: Italiano
Numero pagine: 18 P. 173-190 Dimensione file: 201 KB
DOI: 10.3280/MM2008-003010
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

<em>"It's the Way you Wear Them!" The Contradictions of Controlling Gang Members’ Dress</em> - This paper examines how politically charged meanings of dress are articulated and contested by staff and gang members. While school dress codes are often justified as a safety measure, the ways staff exercise authority by chastising students who violate the code may alienate students from school. Moreover, students’ ways of dressing are intractable to school control, first, in how they subtly use dress to manipulate the boundaries between such dichotomies as gang/non-gang, safe/dangerous, and overt/covert; and secondly, in the ways students embody dress. Hence, following McNeil (1988), I argue that schools and students are better served by a concentration on pedagogy, rather than control. <br/><br/>Keywords dress code, gangs, social boundaries, school

Robert Garot, "È solo il modo in cui li indossi!" Identità delle gang e processi di embodiment in "MONDI MIGRANTI" 3/2008, pp 173-190, DOI: 10.3280/MM2008-003010