Clicca qui per scaricare

I coyotes del Pacifico. Quito-Los Angeles A/R
Titolo Rivista: MONDI MIGRANTI 
Autori/Curatori:  Francesca Lagomarsino, Jacques Ramirez 
Anno di pubblicazione:  2009 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 147-160 Dimensione file:  463 KB
DOI:  10.3280/MM2009-002010
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


In questo contributo presentiamo la storia di Luis (l’intervista qui riportata è stata raccolta a Quito nel 2008, dopo il suo rientro in Ecuador), giovane migrante ecuadoriano in transito verso gli Stati Uniti. Luis ha attraversato per alcune settimane paesi diversi, utilizzando mezzi di trasporto diversi, spesso nascondendosi, insieme ai suoi compagni, per non farsi prendere dalle polizie di frontiera dei numerosi paesi di transito. L’esperienza di Luis insieme a quella di migliaia di ecuadoriani e altri latinoamericani ripercorre quella che in letteratura viene definita "migrazione di transito". Partendo dall’esperienza di questo giovane migrante vogliamo qui riflettere sul significato che negli ultimi anni hanno assunto i cosiddetti "paesi di transito", paesi cioè che per la loro posizione geografica vengono attraversati da potenziali migranti diretti verso i paesi sviluppati del nord Europa o del nord America. Ci troviamo all’interno di un tema molto complesso, non a caso ad oggi non esiste una definizione universalmente accettata dei termini "migranti in transito" e i "paesi di transito" e soprattutto non esiste nel diritto internazionale una categoria specifica che li identifichi. Tuttavia il dibattito sul tema è oggi molto intenso non solo a livello accademico ma soprattutto a livello politico poiché la questione sul ruolo svolto dai paesi di transito nel controllo e nella gestione dell’immigrazione irregolare (come si può osservare nel caso degli accordi tra Italia e Libia) appare sempre più centrale e determinante. Come si può facilmente intuire la preoccupazione politica attorno al ruolo dei paesi di transito è strettamente legata alle ansie sicuritarie e di controllo dei paesi ricchi loro confinanti; si parla di paesi di transito per lo più da un punto di vista di politiche migratorie restrittive che cercano di bloccare flussi in entrata percepiti come pericolosi e sostanzialmente non desiderati. È infine importante sottolineare che l’inasprimento dei controlli alle frontiere e le enormi difficoltà di accesso legale hanno agevolato lo sviluppo di un’industria della clandestinità, in cui coyoteros, chulqueros, intermediari di vario tipo sono diventati soggetti indispensabili. In questo senso il caso del cammino verso gli Stati Uniti è paradigmatico: più i controlli si sono inaspriti e più si è sviluppato un sistema capillare e organizzato di gestione dell’immigrazione illegale. E così proprio quei paesi che retoricamente si dichiarano in lotta contro i trafficanti di esseri umani sono i primi a incrementare lo sviluppo di queste organizzazioni, attraverso politiche evidentemente fallimentari che non riescono a bloccare gli arrivi dei migranti ma rendono altamente rischioso il viaggio e violano i loro diritti innanzitutto come esseri umani.


Keywords: Migrazioni di transito; politica migratoria; America latina



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Francesca Lagomarsino, Jacques Ramirez, in "MONDI MIGRANTI" 2/2009, pp. 147-160, DOI:10.3280/MM2009-002010

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche