Pensieri sul setting

Titolo Rivista: EDUCAZIONE SENTIMENTALE
Autori/Curatori: Chiara Allari, Marina Oggero
Anno di pubblicazione: 2010 Fascicolo: 13 Lingua: Italiano
Numero pagine: 18 P. 69-86 Dimensione file: 522 KB
DOI: 10.3280/EDS2010-013006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

L’apprendimento della psicosocioanalisi avviene attraversando setting formativi diversi, oltre a quelli caratteristici dentro e fuori dall’aula: il setting orientativo e quello dato dalla persona di riferimento, quello relazionale-affettivo, il setting della cultura organizzativa in cui cresce il pensiero psicosocioanalitico. Al concetto di setting è associata l’idea dell’esistenza di un confine flessibile, ma non ambiguo, all’interno del quale vengono utilizzate regole del gioco che rendono possibile l’apprendimento, perché consentono di creare uno spazio d’azione tutelato per chi apprende. I setting esperienziali della psicosocioanalisi favoriscono la scoperta e lo sviluppo delle qualità intellettuali e personali possedute dagli individui, lasciando libero il soggetto rispetto a possibilità di scoperta, alla costruzione di un proprio progetto lavorativo e personale.

Chiara Allari, Marina Oggero, Pensieri sul setting in "EDUCAZIONE SENTIMENTALE" 13/2010, pp 69-86, DOI: 10.3280/EDS2010-013006