La "Bomba" nell’era della globalizzazione

Titolo Rivista: EDUCAZIONE SENTIMENTALE
Autori/Curatori: Romano Trabucchi
Anno di pubblicazione: 2010 Fascicolo: 14 Lingua: Italiano
Numero pagine: 10 P. 45-54 Dimensione file: 299 KB
DOI: 10.3280/EDS2010-014004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Dall’inizio della storia, con la guerra le comunità si sono difese o si sono rafforzate nei confronti di altre comunità. Gli armamenti nucleari hanno cambiato tutto questo: una guerra avrebbe causato la distruzione di ambedue i contendenti. Per 50 anni, scrive l’autore, l’equilibrio della Guerra Fredda si è retto su questo assunto. Ma dopo? I saperi sono circolati, le tecnologie si sono diffuse, quantità di uranio hanno cambiato mani. Sempre più Paesi dispongono di armi nucleari, forse anche gruppi terroristici e il loro fanatismo non li fermerà davanti alla prospettiva della distruzione completa. La globalizzazione ha favorito tutto questo. Oggi il disarmo nucleare non riguarda solo un paio di grandi potenze. Non riguarda nemmeno più solo gli Stati. Occorre acquisire informazioni, costruire delle partnership e cercare le soluzioni con tutti i Paesi e i popoli.

Romano Trabucchi, La "Bomba" nell’era della globalizzazione in "EDUCAZIONE SENTIMENTALE" 14/2010, pp 45-54, DOI: 10.3280/EDS2010-014004