Clicca qui per scaricare

Depressione e distimia: basi relazionali e guide per l’intervento
Titolo Rivista: TERAPIA FAMILIARE 
Autori/Curatori: Juan Luis Linares 
Anno di pubblicazione:  2010 Fascicolo: 94 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 79-94 Dimensione file:  353 KB
DOI:  10.3280/TF2010-094006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’Autore sottolinea l’importanza di distinguere le due forme fondamentali della depressione: una più grave, erede dell’antica psicosi maniaco-depressiva ed un’altra più lieve, di tipo nevrotico (la distimia). Nella famiglia d’origine del depresso si incontra generalmente una coppia genitoriale con una buona intesa, con una relazione complementare, ed il fallimento delle funzioni genitoriali sotto il segno di un livello di richieste alto, senza valorizzazione. Squalificato, il paziente tende a sua volta a costruire una coppia complementare, che si irrigidisce quando, dopo essere state frustrate le aspettative di protezione e valorizzazione, intervengono i sintomi a chiudere il cerchio della squalifica. Il distimico, invece, proviene da una famiglia con dei genitori che non hanno una buona intesa, che lo "triangolano", e favoriscono la coalizione con uno di loro e l’antagonismo con l’altro. Imitando il modello dei genitori, il paziente tende a costruire una coppia simmetrica, nella quale i sintomi si integrano, prendendo parte ai giochi di potere. L’intervento terapeutico si concentrerà principalmente sulla coppia. Nel caso della depressione grave, si include anche un approccio con la famiglia d’origine ed un lavoro individuale con il paziente.


Keywords: Depressione grave, distimia, famiglia d’origine, coppia, mitologia, organizzazione



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Juan Luis Linares, in "TERAPIA FAMILIARE" 94/2010, pp. 79-94, DOI:10.3280/TF2010-094006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche