Clicca qui per scaricare

La famiglia entra in ospedale: suicidi in adolescenza
Titolo Rivista: TERAPIA FAMILIARE 
Autori/Curatori: Elida Romano, Didier Destal 
Anno di pubblicazione:  2010 Fascicolo: 94 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  17 P. 156-172 Dimensione file:  307 KB
DOI:  10.3280/TF2010-094011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il bambino cresce in seno alla famiglia, che è il suo sociotipo principale. Nel corso della crescita, metterà questo sociotipo a confronto, se non in competizione, con gli altri spazi nei quali costruisce la sua differenziazione e la sua autonomia. La scuola ed il gruppo dei pari sono i principali. Nelle famiglie che incontriamo, spesso caratterizzate da una nuclearizzazione forte e disfunzionale, lo spazio familiare è danneggiato con violenza a causa di un’integrazione impossibile dell’adolescente nei suoi sociotipi esteriori. Questo danneggiamento è comune e reciproco tra l’adolescente ed il resto della famiglia. Quando il ricovero si rende necessario, deve rispettare delle modalità che designano questo spazio esteriore "patologico" come un luogo in cui le competenze di ognuno, le paure, le speranze, ritrovano diritto di espressione; la prima condizione è allora che il luogo del ricovero sia un teatro di mediazione realmente aperto nella vita quotidiana a tutti i membri della famiglia senza eccezione.


Keywords: Fiducia intergenerazionale, condizioni di ricovero, separazione, autonomia, rottura, sicurezza



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Elida Romano, Didier Destal, in "TERAPIA FAMILIARE" 94/2010, pp. 156-172, DOI:10.3280/TF2010-094011

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche