Clicca qui per scaricare

Un milione di cittadini potranno chiedere una legge europea: un diritto di iniziativa ‘sui generis’
Titolo Rivista: CITTADINANZA EUROPEA (LA) 
Autori/Curatori: Paolo Ponzano 
Anno di pubblicazione:  2011 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  11 P. 115-125 Dimensione file:  426 KB
DOI:  10.3280/CEU2011-001007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’articolo si propone di chiarire la natura sui generis del diritto di iniziativa legislativa dei cittadini europei introdotto dal Trattato di Lisbona, esaminando quindi il contenuto del regolamento di attuazione che disciplina la raccolta del milione di firme necessarie per chiedere alla Commissione europea l’elaborazione di una proposta di legge europea. L’articolo analizza in particolare le principali differenze tra il testo di regolamento proposto inizialmente dalla Commissione europea e quello ufficialmente adottato il 16 febbraio 2011. L’autore ritiene che il nuovo strumento potrebbe avere a livello europeo la stessa efficacia di analoghi strumenti esistenti a livello nazionale, tanto più se, com’è probabile, la Commissione si conformerà alla pratica seguita finora nei riguardi delle richieste legislative ricevute dagli Stati membri, dalle altre istituzioni europee (Parlamento e Consiglio) e dai gruppi di pressione.




  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Paolo Ponzano, in "CITTADINANZA EUROPEA (LA)" 1/2011, pp. 115-125, DOI:10.3280/CEU2011-001007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche