madrasse, appoggiati da potenze come Stati Uniti, Arabia Saudita, Pakistan. Questi sono i talebani che poi sconfiggono i sovietici e in seguito assumono le connotazioni Al Qaediste e terroristiche. La dinamica dei relativi rapporti tra profughi e pashtun delle aree tribali viene svolta dall’Autore, mettendo in risalto i tentativi di spingere i tre milioni di profughi al rientro in Afghanistan. In questa logica ruolo fondamentale hanno gli Stati Uniti, il cambio politico del Pakistan, le Ong, l’Unhcr. Vengono altresì messi in risalto i caratteri organizzativi di queste tribù, con la sovrapposizione di tante jirga (da quelle familiari a quella regionale), e i caratteri sociali della popolazione. Si conclude con un riferimento al futuro.)" />
Clicca qui per scaricare

Le Aree tribali amministrate federalmente (Fata), i rifugiati afgani e la pace nell'Afghanistan e nel Pakistan
Titolo Rivista: FUTURIBILI 
Autori/Curatori: Nicolò Gasparini 
Anno di pubblicazione:  2011 Fascicolo: 1-2 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  26 P. 36-61 Dimensione file:  332 KB
DOI:  10.3280/FU2011-001004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’Autore tratta di un’area di confine, che è insieme divisione statale e unione etnica e culturale. L’area di confine considerata è quella delle Aree tribali amministrate federalmente ("Federally Administered Tribal Areas - Fata"), che appartengono al Pakistan e sono a ridosso del confine con l’Afghanistan. Vengono descritte le specificità politico-giudiziarie, economiche e produttive e commerciali, ma soprattutto la continuità etnica con la parte afgana dell’oltreconfine. Le Fata hanno giocato sempre un ruolo notevole, ma soprattutto dall’invasione sovietica, con una notevole fuga di afgani, e quindi con la costituzione di campi di profughi nella parte pakistana. Ma soprattutto questa area, con capoluogo Peshawar, è stata il punto di riferimento di nuovi gruppi religiosi/ integralisti islamici formati intorno alle madrasse, appoggiati da potenze come Stati Uniti, Arabia Saudita, Pakistan. Questi sono i talebani che poi sconfiggono i sovietici e in seguito assumono le connotazioni Al Qaediste e terroristiche. La dinamica dei relativi rapporti tra profughi e pashtun delle aree tribali viene svolta dall’Autore, mettendo in risalto i tentativi di spingere i tre milioni di profughi al rientro in Afghanistan. In questa logica ruolo fondamentale hanno gli Stati Uniti, il cambio politico del Pakistan, le Ong, l’Unhcr. Vengono altresì messi in risalto i caratteri organizzativi di queste tribù, con la sovrapposizione di tante jirga (da quelle familiari a quella regionale), e i caratteri sociali della popolazione. Si conclude con un riferimento al futuro.


Keywords: Aree tribali pakistane, talebani, campi di rifugiati, Pakistan, ritorno dei Profughi



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Nicolò Gasparini, in "FUTURIBILI" 1-2/2011, pp. 36-61, DOI:10.3280/FU2011-001004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche