Clicca qui per scaricare

Aldo Moro, la televisione e l’apertura a sinistra
Titolo Rivista: MONDO CONTEMPORANEO 
Autori/Curatori: Riccardo Brizzi 
Anno di pubblicazione:  2010 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  30 P. 137-166 Dimensione file:  443 KB
DOI:  10.3280/MON2010-002007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il saggio ricostruisce, attraverso il ricorso a fonti d’archivio inedite, le modalità attraverso le quali il leader democristiano Aldo Moro si servì del mezzo televisivo nella fase di avvicinamento al centro-sinistra, tra il 1959 e il 1963. Se l’interesse della Dc verso il piccolo schermo era andato progressivamente crescendo all’indomani del congresso di Napoli (1962), in seguito all’affermazione della leadership di Amintore Fanfani, è soltanto con l’ascesa di Aldo Moro alla segreteria che la televisione - complice l’avvio delle trasmissioni di "Tribuna elettorale" a partire dall’autunno 1960 - inizia a svolgere un ruolo decisivo nella costruzione del consenso politico rivelandosi uno strumento indispensabile nella paziente opera di tessitura degli equilibri possibili operata da Aldo Moro all’interno del sistema politico italiano. L’autore, in particolare, sottolinea come il leader democristiano si servì del mezzo televisivo per rispondere a tre esigenze fondamentali, nella fase della cosiddetta «apertura a sinistra»: la legittimazione progressiva del partito socialista; la rivendicazione della centralità del partito rispetto al governo; la progressiva conquista di autonomia della Dc rispetto alle gerarchie ecclesiastiche.


Keywords: Aldo Moro, Rai (Radio televisione italiana), Democrazia cristiana, «Tribuna elettorale», Ettore Bernabei, comunicazione politica



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Riccardo Brizzi, in "MONDO CONTEMPORANEO" 2/2010, pp. 137-166, DOI:10.3280/MON2010-002007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche