Clicca qui per scaricare

La svolta pubblica: dal processo lavorativo al movimento operaio
Titolo Rivista: SOCIOLOGIA DEL LAVORO  
Autori/Curatori: Michael Burawoy 
Anno di pubblicazione:  2011 Fascicolo: 123 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  17 P. 15-31 Dimensione file:  312 KB
DOI:  10.3280/SL2011-123002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’anno 1974 ha segnato una rottura nello studio sul lavoro. È stato l’anno in cui fu pubblicato Labor and Monopoly Capital di Harry Braverman, arrestando un’agonizzante sociologia industriale. È stata una rottura ispirata dalla rinascita del marxismo, in posizione critica nei confronti dell’euforica sociologia degli anni ’50. Dal 1974, gli studi sul lavoro avevano subito un cambiamento, spostando il loro punto focale dall’analisi del processo lavorativo ad un vero e proprio impegno con il movimento operaio. Che cosa significa questo, alla luce delle continue aggressioni al lavoro e della diminuzione della densità globale dei sindacati? La risposta sta nella trasformazione del movimento operaio stesso: il crollo della figura del vecchio industriale, il business sindacale e la sempre maggiore forza del New Labor con il suo orientamento verso il settore dei servizi, verso lavoratori immigrati e vulnerabili, e il suo inventare strategie organizzative sempre nuove. Nel New Labor i sociologi hanno trovato un nuovo pubblico.


Keywords: Processo lavorativo, movimento operaio, sociologia pubblica, sindacato



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Michael Burawoy, in "SOCIOLOGIA DEL LAVORO " 123/2011, pp. 15-31, DOI:10.3280/SL2011-123002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche