Clicca qui per scaricare

Assistiti o segregati? I grandi centri per richiedenti asilo in Italia
Titolo Rivista: SOCIETÀ DEGLI INDIVIDUI (LA) 
Autori/Curatori: Chiara Marchetti 
Anno di pubblicazione:  2011 Fascicolo: 41 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 Dimensione file:  373 KB
DOI:  10.3280/LAS2011-041005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Secondo il Ministero dell’Interno, i Centri di accoglienza per richiedenti asilo (CARA) sono strutture nelle quali viene inviato e ospitato lo straniero richiedente asilo privo di documenti di riconoscimento o che si è sottratto al controllo di frontiera, per consentire l’identificazione o la definizione della procedura di riconoscimento dello status di rifugiato. I CARA ospitano richiedenti asilo, persone in fuga da guerre e persecuzioni, che hanno spesso il primo confronto con lo Stato italiano a cui chiedono protezione attraverso queste strutture dalle enormi dimensioni, collocate per lo più in zone isolate e lontane dai centri cittadini, all’interno di ex caserme o di aeroporti militari dismessi, per un tempo che supera quasi regolarmente i ventitrentacinque giorni previsti dalla legge. Come si concilia l’esigenza di dare pronta accoglienza a un alto numero di persone con la richiesta di protezione e di accoglienza qualificata dovuta a ogni essere umano e ancor più a potenziali rifugiati con alta incidenza di casi vulnerabili? Qual è il rapporto fra assistenza e segregazione, efficienza e tutela, principi economici e di diritto, sicurezza dei rifugiati e sicurezza dai rifugiati?




  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Chiara Marchetti, in "SOCIETÀ DEGLI INDIVIDUI (LA)" 41/2011, pp. , DOI:10.3280/LAS2011-041005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche