Assistiti o segregati? I grandi centri per richiedenti asilo in Italia

Titolo Rivista SOCIETÀ DEGLI INDIVIDUI (LA)
Autori/Curatori Chiara Marchetti
Anno di pubblicazione 2011 Fascicolo 2011/41 Lingua Italiano
Numero pagine 14 P. Dimensione file 373 KB
DOI 10.3280/LAS2011-041005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit. Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

Anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

Secondo il Ministero dell’Interno, i Centri di accoglienza per richiedenti asilo (CARA) sono strutture nelle quali viene inviato e ospitato lo straniero richiedente asilo privo di documenti di riconoscimento o che si è sottratto al controllo di frontiera, per consentire l’identificazione o la definizione della procedura di riconoscimento dello status di rifugiato. I CARA ospitano richiedenti asilo, persone in fuga da guerre e persecuzioni, che hanno spesso il primo confronto con lo Stato italiano a cui chiedono protezione attraverso queste strutture dalle enormi dimensioni, collocate per lo più in zone isolate e lontane dai centri cittadini, all’interno di ex caserme o di aeroporti militari dismessi, per un tempo che supera quasi regolarmente i ventitrentacinque giorni previsti dalla legge. Come si concilia l’esigenza di dare pronta accoglienza a un alto numero di persone con la richiesta di protezione e di accoglienza qualificata dovuta a ogni essere umano e ancor più a potenziali rifugiati con alta incidenza di casi vulnerabili? Qual è il rapporto fra assistenza e segregazione, efficienza e tutela, principi economici e di diritto, sicurezza dei rifugiati e sicurezza dai rifugiati?;

  • Rifugiati e migranti forzati in Itália: il pendolo tra 'emergenza' e 'sistema' Chiara Marchetti, in REMHU : Revista Interdisciplinar da Mobilidade Humana /2014 pp.53
    DOI: 10.1590/1980-85852503880004304
  • Between containment, confinement and dispersal: the evolution of the Italian reception system before and after the ‘refugee crisis’ Giuseppe Campesi, in Journal of Modern Italian Studies /2018 pp.490
    DOI: 10.1080/1354571X.2018.1501995
  • Dentro, fuori e contro le involuzioni delle politiche sull'immigrazione: riflessioni dalle esperienze di microaccoglienza diffusa di richiedenti asilo in Valsugana e Valle di Susa Orlando De Gregorio, Elena Giacomelli, in MONDI MIGRANTI 2/2022 pp.165
    DOI: 10.3280/MM2022-002008

Chiara Marchetti, Assistiti o segregati? I grandi centri per richiedenti asilo in Italia in "SOCIETÀ DEGLI INDIVIDUI (LA)" 41/2011, pp , DOI: 10.3280/LAS2011-041005