Clicca qui per scaricare

Linguaggio, un paradigma della comunità a venire. Humboldt nel futuro
Titolo Rivista: SOCIETÀ DEGLI INDIVIDUI (LA) 
Autori/Curatori: Donatella Di Cesare 
Anno di pubblicazione:  2011 Fascicolo: 41 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  10 Dimensione file:  83 KB
DOI:  10.3280/LAS2011-041008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


In questo saggio viene esaminato il pensiero politico di Humboldt, di solito preso erroneamente per un liberalismo. Il suo congedo dallo Stato segna una riflessione critica che si interroga non sull’origine, bensì sul fine dello Stato, e ha una dimensione manifestamente an-archica. Privo di fondamento, lo Stato è solo un male temporaneo che può essere tollerato se si costruisce la «comunità» che Humboldt delinea sul modello della lingua. Perché è nella reciprocità dei parlanti, delineata soprattutto nello studio Sul duale, che si può trovare una via d’uscita alla opposizione tra universale e individuale. Mentre dischiude lo spazio del dialogo, la lingua indica una comunità che è non meccanica, bensì organica.




  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Donatella Di Cesare, in "SOCIETÀ DEGLI INDIVIDUI (LA)" 41/2011, pp. , DOI:10.3280/LAS2011-041008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche