Clicca qui per scaricare

La funzione compensatrice dell’inconscio nella pratica clinica: un ponte tra realtà e trasformazione psichica
Titolo Rivista: STUDI JUNGHIANI 
Autori/Curatori: Liberiana Pavone 
Anno di pubblicazione:  2011 Fascicolo: 33  Lingua: Italiano 
Numero pagine:  15 P. 67-81 Dimensione file:  273 KB
DOI:  10.3280/JUN2011-033006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


In questo lavoro si sottolinea la funzione compensatrice dell’inconscio come elemento distintivo e qualificante della pratica terapeutica nella psicologia analitica. La soggettività di ognuno è spinta al confronto con la realtà autonoma delle manifestazioni inconsce, in una relazione dinamica e trasformativa che si istituisce tra la posizione personale, mondo interno e realtà esterna e collettiva. Un legame profondo, vitale, in grado di rimettere in moto l’equilibrio, quell’energia psichica che ci permette di assecondare le trasformazioni del tempo presente. Le contraddizioni, il rischio e la scelta conseguente se improntati dalla relazione con questa funzione compensatrice, favoriranno una presa di coscienza eticamente responsabile, la modificazione del proprio orizzonte di coscienza non sarà soltanto nei termini di un adattamento riuscito.


Keywords: Soggettività, compensazione inconscia, sperimentazione, scelta, rischio, responsabilità etica

Liberiana Pavone, in "STUDI JUNGHIANI" 33/2011, pp. 67-81, DOI:10.3280/JUN2011-033006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche