segue: le modifiche inerenti le funzioni; lo sbilanciamento dei rapporti con il Ministro della giustizia e la costituzionalizzazione del potere di ispezione / 5. L’esclusione del pm dalla soggezione solo alla legge e dall’ordine giudiziario, la separazione delle carriere del giudice e del pm e l’eliminazione dell’indipendenza interna / 6. L’esercizio dell’azione penale non più obbligatorio e la modificazione dei rapporti con la polizia giudiziaria / 7. La responsabilità dei magistrati: la "Corte di disciplina" per giudicare sugli illeciti disciplinari e la responsabilità civile diretta «al pari degli altri funzionari e dipendenti dello Stato». La mancata considerazione della specificità dell’attività giurisdizionale / 8. Le "dimenticanze" della riforma: l’unicità della giurisdizione e le garanzie dei giudici speciali (specie di quelli amministrativi); la modifica dell’art. 106 Cost. in assenza di un riordino della magistratura onoraria.)" />
Clicca qui per scaricare

Osservazioni sul disegno di legge costituzionale n. 4275/2011
Titolo Rivista: QUESTIONE GIUSTIZIA  
Autori/Curatori:  Roberto Romboli 
Anno di pubblicazione:  2011 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  36 P. 129-164 Dimensione file:  676 KB
DOI:  10.3280/QG2011-005011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Una riforma costituzionale organica e di maggioranza che dimentica le "lezioni" tratte dalle precedenti esperienze di revisione / 2. In generale: il mutamento dell’epigrafe del titolo IV, l’eliminazione del termine "altro" dall’art. 104 Cost. e la diffusa decostituzionalizzazione delle garanzie dei magistrati / 3. Un giudizio liquidatorio sul ruolo del Csm: le modifiche inerenti la composizione / 4. segue: le modifiche inerenti le funzioni; lo sbilanciamento dei rapporti con il Ministro della giustizia e la costituzionalizzazione del potere di ispezione / 5. L’esclusione del pm dalla soggezione solo alla legge e dall’ordine giudiziario, la separazione delle carriere del giudice e del pm e l’eliminazione dell’indipendenza interna / 6. L’esercizio dell’azione penale non più obbligatorio e la modificazione dei rapporti con la polizia giudiziaria / 7. La responsabilità dei magistrati: la "Corte di disciplina" per giudicare sugli illeciti disciplinari e la responsabilità civile diretta «al pari degli altri funzionari e dipendenti dello Stato». La mancata considerazione della specificità dell’attività giurisdizionale / 8. Le "dimenticanze" della riforma: l’unicità della giurisdizione e le garanzie dei giudici speciali (specie di quelli amministrativi); la modifica dell’art. 106 Cost. in assenza di un riordino della magistratura onoraria.




  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Roberto Romboli, in "QUESTIONE GIUSTIZIA " 5/2011, pp. 129-164, DOI:10.3280/QG2011-005011

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche