Click here to download

Csm e organizzazione degli uffici di procura dopo le modifiche ordinamentali del 2006
Journal Title: QUESTIONE GIUSTIZIA  
Author/s: Matilde Brancaccio 
Year:  2011 Issue: Language: Italian 
Pages:  22 Pg. 165-186 FullText PDF:  610 KB
DOI:  10.3280/QG2011-005012
(DOI is like a bar code for intellectual property: to have more infomation:  clicca qui   and here 


La modifica del 2006 dell’ordinamento giudiziario è figlia di un’epoca tormentata di rapporti tra la politica e la magistratura, in particolare quella requirente, e frutto della volontà di impedire la (ritenuta) eccessiva autonomia del singolo pubblico ministero, faticosamente acquisita a seguito di un percorso pluridecennale, e di accentrare nel solo procuratore della Repubblica la responsabilità dell’operato dell’ufficio. A molti è parso inoltre evidente l’intento di avviare un percorso verso una caduta di indipendenza "esterna" del pubblico ministero, con l’abbandono del circuito che aveva garantito (in modo ritenuto eccessivo) l’indipendenza "interna" del singolo sostituto. Anche per questo è utile l’analisi delle interpretazioni del Csm e della normativa secondaria da esso emanata.

Matilde Brancaccio, in "QUESTIONE GIUSTIZIA " 5/2011, pp. 165-186, DOI:10.3280/QG2011-005012

   

FrancoAngeli is a member of Publishers International Linking Association a not for profit orgasnization wich runs the CrossRef service, enabing links to and from online scholarly content