Clicca qui per scaricare

Csm e organizzazione degli uffici di procura dopo le modifiche ordinamentali del 2006
Titolo Rivista: QUESTIONE GIUSTIZIA  
Autori/Curatori: Matilde Brancaccio 
Anno di pubblicazione:  2011 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  22 P. 165-186 Dimensione file:  610 KB
DOI:  10.3280/QG2011-005012
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La modifica del 2006 dell’ordinamento giudiziario è figlia di un’epoca tormentata di rapporti tra la politica e la magistratura, in particolare quella requirente, e frutto della volontà di impedire la (ritenuta) eccessiva autonomia del singolo pubblico ministero, faticosamente acquisita a seguito di un percorso pluridecennale, e di accentrare nel solo procuratore della Repubblica la responsabilità dell’operato dell’ufficio. A molti è parso inoltre evidente l’intento di avviare un percorso verso una caduta di indipendenza "esterna" del pubblico ministero, con l’abbandono del circuito che aveva garantito (in modo ritenuto eccessivo) l’indipendenza "interna" del singolo sostituto. Anche per questo è utile l’analisi delle interpretazioni del Csm e della normativa secondaria da esso emanata.




  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Matilde Brancaccio, in "QUESTIONE GIUSTIZIA " 5/2011, pp. 165-186, DOI:10.3280/QG2011-005012

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche