Clicca qui per scaricare

Pulp Fiction. Il cinema postmoderno di Quentin Tarantino
Titolo Rivista: PSICOBIETTIVO 
Autori/Curatori: Caterina Selvaggi 
Anno di pubblicazione:  2012 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  22 P. 151-172 Dimensione file:  163 KB
DOI:  10.3280/PSOB2012-001011
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’Autore analizza "Pulp Fiction" di Tarantino (1994) che è il cineasta più significativo del gusto post-moderno; la relazione sistemica è protagonista del film e di altri dello stesso autore ed evidenzia come il singolo personaggio non abbia né coerenza né consistenza come individuo a se stante. Lo stile postmoderno è una delle forme culturali più proprie della cosiddetta "globalizzazione", cioè delle progressiva interdipendenza dei sistemi nel pianeta. Il film racconta 5 storie intrecciate, mettendo in crisi l’ordine causale lineare a favore di una concezione di causalità circolare espressa anche dalla regia stessa. Significativo è anche il gusto della citazione di altri testi e film di culture ed epoche diverse, proprio del postmoderno, e la mescolanza dei vari generi, dal thriller al western al musical ai cartoons" Ma questo gioco di citazioni per Tarantino esprime la condizione di intellegibilità psicologica e culturale di un sistema ormai globale.


Keywords: Interdipendenza sistemica; relazione; causalità; circolarità; postmoderno; citazione; instabilità.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Caterina Selvaggi, in "PSICOBIETTIVO" 1/2012, pp. 151-172, DOI:10.3280/PSOB2012-001011

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche