Clicca qui per scaricare

La diagnosi in psicoanalisi relazionale: una prospettiva unitaria
Titolo Rivista: RICERCA PSICOANALITICA 
Autori/Curatori: Massimo Fontana 
Anno di pubblicazione:  2012 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  27 P. 73-99 Dimensione file:  677 KB
DOI:  10.3280/RPR2012-002006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


In questo articolo l’autore puntualizza gli elementi teorici, metodologici e clinici che rendono necessaria una considerazione rigorosa della diagnosi in psicoanalisi relazionale e si sofferma sul particolare uso che di essa si può fare nella terapia. Nella prima parte del lavoro, considerando anche i recenti contributi di Albasi, Lingiardi, Shedler e Westen, si ribadisce la specificità della diagnosi psicologica, volta a cogliere l’insieme delle caratteristiche e del disagio psicologico delle persone, piuttosto che a individuare malattie come fa la diagnosi medica, e l’importanza di tenere conto di tutte le dimensioni conoscitive in gioco nel processo diagnostico: la dimensione nosografica (nomotetica), la formulazione del caso clinico (idiografica) e la dimensione relazionale (implicita). Tesi fondamentale dell’autore è che i presupposti epistemici del modello relazionale, la teoria dei sistemi e il paradigma della complessità consentano una visione unitaria della personalità, intesa come un sistema dotato di coerenza e capace di autoorganizzantesi all’interno del sistema sociale di cui fa parte.


Keywords: Diagnosi, formulazione del caso, psicoanalisi relazionale, molteplicità, dissociazione, Sé.



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Massimo Fontana, in "RICERCA PSICOANALITICA" 2/2012, pp. 73-99, DOI:10.3280/RPR2012-002006

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche