Scenari di riforma del mercato del lavoro italiano

Titolo Rivista: EDUCAZIONE SENTIMENTALE
Autori/Curatori: Ichino Pietro
Anno di pubblicazione: 2013 Fascicolo: 19 Lingua: Italiano
Numero pagine: 17 P. 37-53 Dimensione file: 719 KB
DOI: 10.3280/EDS2013-019006
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più clicca qui

Qui sotto puoi vedere in anteprima la prima pagina di questo articolo.

Se questo articolo ti interessa, lo puoi acquistare (e scaricare in formato pdf) seguendo le facili indicazioni per acquistare il download credit.
Acquista Download Credits per scaricare questo Articolo in formato PDF

anteprima articolo

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association, Inc (PILA)associazione indipendente e non profit per facilitare (attraverso i servizi tecnologici implementati da CrossRef.org) l’accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche

La situazione del mercato del lavoro in Italia è caratterizzata da un netto dualismo tra la metà protetta della forza-lavoro cui si applica lo Statuto dei Lavoratori nella sua interezza, e la metà poco o per nulla protetta di lavoratori sostanzialmente dipendenti, che oggi portano tutto il peso della flessibilità di cui il sistema economico ha bisogno. La tesi, molto nota, dell’Autore è che un primo passo decisivo consiste nel disegnare un nuovo ordinamento del lavoro, capace di ridurre drasticamente, almeno nella fase iniziale, il costo del lavoro regolare per le imprese; e capace al tempo stesso di offrire a tutti i new entrants un lavoro decente e una vera uguaglianza di opportunità. Per far ciò si ha a disposizione il meglio delle tecniche protettive sperimentate nei Paesi più avanzati, ripartendo equamente fra tutti le protezioni e la flessibilità necessarie. E sostituire progressivamente questo nuovo ordinamento al vecchio, applicandolo ai nuovi rapporti di lavoro via via che essi si costituiscono.

  1. Algan Y. and Cahuc P. (2006). Civic Attitudes and the Design of Labor Market Institutions: Which Countries Can Implement the Danish Flexicurity Model? W.p. IZA n. 1928, Gennaio.
  2. Blanchard O. e Tirole G. (2003). Contours of Employment Protection Reform. Relazione scritta per il Conseil Français d’Analyse Economique. Tr. it.: Profili di riforma dei regimi di protezione del lavoro. Rivista italiana di diritto del lavoro, 2004, 161-211.
  3. Boeri T. e Garibaldi P. (2006). Dal vicolo cieco alla stabilità. LaVoce.info, 6 Novembre.
  4. Boeri T. e Garibaldi P. (2007). Il “testo unico” del contratto unico. LaVoce.info, 10 Novembre.
  5. Ferrari V., Boniardi R. e Velicogna N.G. (1979). Assenteismo e malattia nell’industria. Un’analisi sociologico-giuridica. Milano: Comunità.
  6. Giavazzi F. (2008). Ripartiamo dalla scuola. Corriere della sera, 15 Febbraio.
  7. Ichino A. and Riphanm R.T. (2004). The Effect of Employment Protection on Worker Effort. CEPR, w.p. 2004.
  8. Ichino P. (1976). Malattia, assenteismo e giustificato motivo di licenziamento. Rivista giuridica del lavoro, I: 259-281.
  9. Ichino P. (1989). Subordinazione e autonomia nel diritto del lavoro. Milano: Giuffré.
  10. Ichino P. (1996). Il lavoro e il mercato. Milano: Mondadori.
  11. Ichino P. (2002). Sulla nozione di giustificato motivo oggettivo di licenziamento. Rivista italiana di diritto del lavoro, I: 473-504.
  12. Ichino P. (2004). La stabilità e il valore dell’eguaglianza. Relazione all’Accademia dei Lincei, Dicembre. Negli atti del convegno Il futuro del diritto del lavoro, Roma, 2005.
  13. Ichino P. (2005). L’anima laburista della legge Biagi. Subordinazione e “dipendenza” nella definizione della fattispecie di riferimento del diritto del lavoro. Giustizia civile, II: 131-149.
  14. Ichino P. (2006). La Corte Costituzionale e la discrezionalità del legislatore ordinario in materia di licenziamenti. In: Scognamiglio R. (2006) a cura di. Diritto del lavoro e Corte costituzionale. Napoli: Ed. Scientifiche Italiane, pp. 129-148.
  15. Ichino P. (2007). Il costo sociale del licenziamento e la perdita aziendale attesa per la prosecuzione del rapporto come oggetto del bilanciamento giudiziale. Rivista italiana di diritto del lavoro, II: 998-999.
  16. Leonardi M. e Pallini M. (2008). Contratto unico contro la precarietà, NelMerito.com, 19 Febbraio.
  17. Novella M. (2004). Dubbi e osservazioni critiche sul principio di insindacabilità delle scelte economico-organizzative dell'imprenditore. Rivista italiana di diritto del lavoro, II: 791-806.
  18. Novella M. (2007). I concetti di costo contabile, di costo-opportunità e di costo sociale nella problematica costruzione giuseconomica del giustificato motivo oggettivo di licenziamento. Rivista italiana di diritto del lavoro, II: 990-998.
  19. Saint Paul G. (1993). On the Political Economy of Labor Market Flexibility. Intervento alla NBER Macroeconomic Annual, 1993, Cambridge Mass., Mit Press. DOI: 10.2307/3585025.
  20. Treu T. (2001). Politiche del lavoro. Insegnamenti di un decennio. Bologna: il Mulino, pp. 317-348.
  21. Vaihekoski M. (2007). "What is fair salary discount for job security?". W.p. dattiloscritto, Novembre.

Ichino Pietro, Scenari di riforma del mercato del lavoro italiano in "EDUCAZIONE SENTIMENTALE" 19/2013, pp 37-53, DOI: 10.3280/EDS2013-019006