Clicca qui per scaricare

Il ciclo neoclassico nelle marche tra economia e società
Titolo Rivista: STORIA URBANA  
Autori/Curatori: Ercole Sori 
Anno di pubblicazione:  2012 Fascicolo: 135 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 27-42 Dimensione file:  2960 KB
DOI:  10.3280/SU2012-135002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Esiste una stretta relazione tra la congiuntura economica e sociale che le Marche attraversano tra gli anni ’30-’40 del XVIII secolo e gli anni ’70-’80 del XIX, da un lato, e il ciclo edilizio e architettonico del neoclassicismo. Nel passaggio tra XVIII e XIX secolo si verificano rilevanti variazioni quantitative, funzionali e congiunturali nella produzione edilizia: a) diminuzione complessiva degli interventi; b) ridimensionamento della committenza ecclesiastica e nobiliare; c) proliferazione di teatri; d) tenuta degli interventi in attrezzature urbane; e) significative cadute congiunturali (periodo giacobino-napoleonico; gli "anni della fame" 17645-67 e 1816-17). Il neoclassico appare come l’architettura con la quale i centri urbani escono dalle rispettive cinte murarie, relegando tendenzialmente il "vecchio" entro le mura, mentre il nuovo procede speditamente al suo esterno oppure occupa gli "sventramenti" operati nel minuto tessuto edilizio storico. L’effetto depressivo che la caduta dei prezzi agricoli durante la Restaurazione ha sugli investimenti edilizi viene compensata da nuove intenzioni anticicliche, si potrebbe dire quasi "keynesiane". Il ciclo neoclassico si avvale di specifici meccanismi di alimentazione e diffusione territoriale: a) nuovi o potenziati meccanismi di finanziamento: b) competizione e imitazione tra centri urbani, soprattutto in vista della promozione da terra a civitas, e tra centri maggiori e minori. Il risveglio edilizio neoclassico ha bisogno di adeguate interfacce imprenditoriali e manifatturiere nel settore dei materiali da costruzione (fornaci da laterizi e da calce). Ad una modularità "cellulare" del mattone si accompagna una ben più ampia modularità tipologica, urbanistica e sociale del manufatto neoclassico.


Keywords: Architettura neoclassica Economia Marche Sviluppo urbano



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Ercole Sori, in "STORIA URBANA " 135/2012, pp. 27-42, DOI:10.3280/SU2012-135002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche