Clicca qui per scaricare

Milano e le difese militari da Napoleone al 1900: dismissioni, distruzioni, restauri
Titolo Rivista: STORIA URBANA  
Autori/Curatori: Gianfranco Pertot 
Anno di pubblicazione:  2012 Fascicolo: 136 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  39 P. 29-67 Dimensione file:  3110 KB
DOI:  10.3280/SU2012-136002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’occupazione napoleonica di Milano portò con sé la demolizione dei baluardi del castello, una nuova piazza d’armi, un piano rivoluzionario quanto idealistico (quello dell’Antolini). Con la nuova concezione di guerra, di difesa e di offesa le mura persero la loro principale funzione e rimasero in auge come confine tributario, le porte divennero nuovi capisaldi monumentali o scomodo intralcio alla circolazione, le truppe trovarono spazi e ospitalità in un gran numero di conventi del centro espropriati al tempo della dominazione austriaca. Questo stato di cose perdurò per buona parte dell’Ottocento, fino a quando le mutate condizioni politiche e socio-economiche, unitamente ad una rapida crescita demografica, videro la città scavalcare le sue mura, e porre il problema della regolazione della crescita attraverso nuovi strumenti urbanistici, mentre una spregiudicata imprenditoria del denaro avviava enormi speculazioni immobiliari sulle aree del demanio militare, in particolare sulla piazza d’armi napoleonica. S’innescarono a catena questioni paradigmatiche: la costruzione del nuovo Quartiere delle Milizie, lo spostamento reiterato della nuova piazza d’armi, la stipula di convenzioni fra Comune e demanio per la permuta di aree e caserme, la demolizione di Porte, Pusterle e delle mura spagnole. Un processo che ha generato contraddizioni che si consegnano ancora irrisolte alla Milano del Piano di Governo del Territorio (PGT).


Keywords: Castello Mura Spagnole Distruzione Restauro



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Gianfranco Pertot, in "STORIA URBANA " 136/2012, pp. 29-67, DOI:10.3280/SU2012-136002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche