Clicca qui per scaricare

Crepuscolo monetario di una signoria: le riforme degli ultimi scaligeri
Titolo Rivista: SOCIETÀ E STORIA  
Autori/Curatori: Federico Pigozzo 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: 140 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  18 P. 265-282 Dimensione file:  495 KB
DOI:  10.3280/SS2013-140002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il dominio su Verona e Vicenza degli ultimi tre esponenti della famiglia dei della Scala è esaminato sotto il profilo della politica monetaria e della riorganizzazione degli uffici preposti al controllo della zecca. Alla fine del governo di Cansignorio furono attribuite nuove competenze agli organi dell’amministrazione signorile per dare nuovo slancio alle coniazioni di moneta argentea. Con la successione al potere dei figli Bartolomeo II e Antonio furono approntate nuove coniazioni, che si proponevano da un lato di rappresentare in modo efficace le attribuzioni signorili dei della Scala, dall’altro di favorire gli scambi economici attraverso monete di più agile uso nelle transazioni. Nell’ultimo periodo di amministrazione del solo Antonio si assiste ad un’ulteriore articolazione degli uffici signorili fra Verona e Vicenza, ma non si sfrutta l’attività della zecca per finanziare le crescenti spese militari. A seguito della sconfitta scaligera e dell’occupazione viscontea, la moneta di conto perde ogni legame con la moneta veronese effettiva e si trasforma in moneta "fossile": in questa forma sopravvivrà per secoli a Verona e Vicenza anche dopo la conquista veneziana.


Keywords: Scaligeri, Visconti, politica monetaria, moneta veronese, moneta di conto, moneta fossile

Federico Pigozzo, in "SOCIETÀ E STORIA " 140/2013, pp. 265-282, DOI:10.3280/SS2013-140002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche