Clicca qui per scaricare

La psicoterapia di gruppo in ottica costruttivista
Titolo Rivista: QUADERNI DI PSICOTERAPIA COGNITIVA 
Autori/Curatori: Poma Stefano Zanone, Alessandra Berto, Maria Cristina Ortu 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: 32 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  13 P. 109-121 Dimensione file:  446 KB
DOI:  10.3280/QPC2013-032008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La terapia di gruppo è finalizzata al miglioramento della consapevolezza di sé attraverso il riconoscimento del proprio ruolo e di quello degli altri nel contesto di una nuova esperienza relazionale. Gli autori, partendo dai principi fondamentali formulati da George Kelly, analizzano l’applicazione al setting gruppale della psicologia dei costrutti personali e della visuale ermeneutica attraverso l’osservazione della circolarità dei multipli confronti fra i membri del gruppo (e della loro "viabilità"). Vengono inoltre esposti alcuni interessanti protocolli di trattamento. È opinione degli autori che l’approccio costruttivista abbia una certa flessibilità e adattabilità per terapie sia focalizzate su obbiettivi circoscritti che per terapie di durata medio-lunga grazie alla possibilità di applicare diverse tecniche a seconda del sistema di costrutti dei partecipanti e del processo in atto nel gruppo. La psicoterapia di gruppo costruttivista può quindi rappresentare un valido strumento per terapie di gruppo nel contesto istituzionale sia ambulatoriale che comunitario.


Keywords: Psicoterapia, gruppo, costruttivismo, ermeneutica

  1. Bion W.R. (1961). Experiences in groups. London: Tavistock (trad it. Esperienze nei gruppi. Roma: Armando, 1983).
  2. Butt T. (2008). George Kelly: the psychology of personal constructs. New York: Palgrave Macmillan (trad. it. George Kelly e la psicologia dei costrutti personali. Milano: Franco Angeli, 2009).
  3. Chiari G., Nuzzo M.L. (1996). Psychological constructivisms: a meta-theoretical differentiation. Journal of Constructivist Psychology, 9: 163-184., 10.1080/1072053960840466DOI: 10.1080/1072053960840466
  4. Chiari G., Nuzzo M.L. (2004). Steering personal construct theory toward hermeneutic constructivism.
  5. In Bridges S.K., Raskin J.D. (eds.), Studies in meaning 2: bridging the personal and social in constructivist psychology. New York: Pace University Press.
  6. Chiari G., Nuzzo M.L. (2009). Constructivist Psychotherapy: A narrative hermeneutic approach. London: Routledge.
  7. De Leo G., Dighera B., Gallizoli E. (2005) (a cura di). La narrazione nel lavoro di gruppo. Roma: Carocci Faber.
  8. Epting F.R. (1990). Psicoterapia dei costrutti personali. Firenze: Psycho, G. Martinelli editore.
  9. Fassone G. (2004). Overview. Stato dell’arte della psicoterapia di gruppo cognitivocomportamentale nel trattamento dei principali disturbi psichiatrici. Modelli, metodi, efficacia. Cognitivismo Clinico, 1: 85-107.
  10. Frances M. (2008). Stages of group development – a PCP approach. Personal Construct Theory & Practice, 5: 10-18.
  11. Freud S. (1913). Totem e Tabù. In S. Freud (2003). Opere, vol. VII. Torino: Bollati Boringhieri.
  12. Freud S. (1921). Psicologia delle masse e analisi dell’Io. In S. Freud (2000). Opere, vol. IX. Torino: Bollati Boringhieri.
  13. Gillmann-Smith I., Watson S. (2005). Personal Construct Group Psychotherapy for Borderline Personality Disorder. In D.A. Winter, L.L. Viney (eds.), Personal Construct Psychotherapy: Advances in Theory, Practice and Research. London: Whurr ed.
  14. Kelly G.A. (1955). The psychology of personal construct. Voll. I e II. New York: WW Norton.
  15. Kelly G.A. (2004). La psicologia dei costrutti personali. Teoria e personalità. Milano: Raffaello Cortina.
  16. Lewin K. (1952). Field theory in social science: selected theorical papers. New York: Harper and Brothers.
  17. Linehan M.M. (2001). Trattamento cognitivo-comportamentale del disturbo borderline. Il modello dialettico. Milano: Raffaello Cortina.
  18. Maturana H. (1993). Autocoscienza e realtà. Milano: Raffaello Cortina.
  19. Moreno J.L. (1946). Psychodrama. First Volume. New York: Beacon House (trad. it. Manuale di psicodramma. Roma: Astrolabio, 1985).
  20. Nitsun M. (1996). The Anti-Group. Destructive forces in the group and their creative potential. London: Routledge.
  21. Piaget J. (1965). Études sociologiques. Genève: Droz (trad. it. Studi sociologici. Milano: Franco Angeli, 1989).
  22. Slavson S.R. (1962). An introduction to group therapy. New York: The Commonwealth Fund.
  23. Truneckova D., Viney LL. (2005). Personal Construct Group work with troubled adolescents. In D.A. Winter, L.L. Viney. Personal Construct Psychotherapy: Advances in Theory, Practice and Research. London: Whurr. von Glasersfeld E. (1980). Viability and the concept of selection. American Psychologist. 35: 970-974.
  24. Yalom I.D. (1970). The theory and practice of group psychotherapy. New York: Basic
  25. Books (trad. it. Teoria e pratica della psicoterapia di gruppo. Torino: Bollati Boringhieri, 1997).

Poma Stefano Zanone, Alessandra Berto, Maria Cristina Ortu, in "QUADERNI DI PSICOTERAPIA COGNITIVA" 32/2013, pp. 109-121, DOI:10.3280/QPC2013-032008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche