Clicca qui per scaricare

Lo strutturarsi di un disturbo di personalità in adolescenza: conseguenza di uno sviluppo traumatico? Il caso di Francesca
Titolo Rivista: QUADERNI DI PSICOTERAPIA COGNITIVA 
Autori/Curatori: Roberta Anna Irene Soldà, Luciana Cracco, Mauro Polacco, Giulia Greselin 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: 32 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  10 P. 139-148 Dimensione file:  323 KB
DOI:  10.3280/QPC2013-032010
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il caso clinico riportato in questo articolo, esemplifica le modalità di intervento che fanno capo all’approccio cognitivo costruttivista e complesso, unitamente all’utilizzo di tecniche e procedure specifiche nel trattamento dei disturbi dello spettro traumatico (Liotti, Farina, 2011). Attraverso un’attenta valutazione psicodiagnostica, oltre a rilevare la comorbidità tra disturbo depressivo maggiore e disturbo evitante di personalità, si evidenziano pattern specifici che accomunano i pazienti vittime di abuso: disperazione, ostilità, derealizzazione, perdita di coerenza nella rappresentazione di sé, deficit della regolazione emotiva, irritabilità e una forte dipendenza che coesiste con un attaccamento di tipo ansioso-evitante. Gli schemi disfunzionali tipici, dimostrano come la modalità dissociativa, messa in atto in quanto meccanismo difensivo volto a schermare la paziente da una realtà intollerabile, si automatizzi in età adulta divenendo scudo protettivo nei confronti di un’emotività dolorosa e ingestibile. Le procedure utilizzate nelle varie fasi d’intervento, sottolineano come l’esito dipenda dalla sincronia e dall’integrazione di modelli teorici e protocolli differenti. Grazie alla dinamica evolutiva positiva esibita dalla paziente, si pone l’accento su due topiche fondamentali: l’efficacia del modello cognitivo costruttivista complesso per ciò che attiene l’intervento con la tipologia di paziente vittima di abuso; l’esigenza di approcciare la complessità mediante un intervento multimodale e multilivello, rispetto al quale l’obiettivo principale è dato dal superamento delle criticità relazionali, attraverso l’attivazione del sistema motivazionale cooperativo e il consolidamento dell’alleanza terapeutica.


Keywords: Disturbo da stress post traumatico complesso, disturbo evitante di personalità, esperienza dissociativa, terapia cognitiva complessa, abuso sessuale

  1. American Psychiatric Association (2000). Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorder.
  2. Fourth Edition. Washington D.C.: Text Revision (trad. it. DSM-IV-TR. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali V, Milano: Masson, 2002).
  3. Bleiberg E. (2001). Treating personality disorders in children and adolescents: a relationals approach. New York: Guilford Pubblications, M.D. (trad. it. Il trattamento dei disturbi di personalità nei bambini e negli adolescenti: un approccio relazionale, 2003, Giovanni Fioriti Editore, Roma).
  4. Di Maggio G., Semerari A. (2003) (a cura di). I Disturbi di personalità. Modelli e trattamento.
  5. Stati mentali, metarappresentazione, cicli interpersonali. Roma-Bari: Laterza.
  6. Herman J.L. (1992). Complex PTDS: a syndrome in survivors of prolonged and repeated trauma. Journal of Traumatic Stress, 5 (3): 377-391.
  7. Isola L., Mancini F. (2007) (a cura di). Psicoterapia cognitiva dell’infanzia e dell’adolescenza. Milano: Franco Angeli.
  8. Lanius A.R., Vermetten E., Clare P. (2012) (a cura di G. Tagliavini). L’impatto del trauma infantile sulla salute e sulla malattia. L’epidemia nascosta. Roma: Giovanni Fioriti.
  9. Liotti G. (1994). La dimensione interpersonale della coscienza. Roma: Carocci.
  10. Liotti G., Farina B. (2011). Dimensione dissociativa e trauma dello sviluppo. Cognitivismo Clinico, 8 (1): 3-17.
  11. Liotti G., Farina B. (2011). Sviluppi traumatici. Eziopatogenesi, clinica e terapia della dimensione dissociativa. Milano: Raffaello Cortina.
  12. Putnam F.W. (2005). La dissociazione nei bambini e negli adolescenti. Roma: Astrolabio.
  13. Slade A. (2002). Keeping the baby in mind. A critical factor in perinatal mental health. Zero to three, Jun/July: 10-16.
  14. Steinberg M., Schnall M. (2001). La dissociazione. I cinque sintomi fondamentali (trad. it. Milano: Raffaello Cortina, 2006).
  15. Tagliavini G. (2011). Modulazione dell’arousal, memoria procedurale ed elaborazione del trauma: il contributo clinico del modello polivagale e della psicoterapia sensomotoria. Cognitivismo Clinico, 8 (1): 60-72.
  16. Van der Kolk B. (1994). The body keeps the score: memory and the evolving psychobiology of post traumatic stress. Harv Rev Psychiatry, 1 (5): 253-265.
  17. Van der Kolk B.A. (2005) (a cura di). Il Disturbo Traumatico dello Sviluppo: verso una diagnosi razionale per i bambini cronicamente traumatizzati. In: V. Caretti, G. Craparo (a cura di). Trauma e Psicopatologia. Un approccio evolutivo-relazionale. Roma: Astrolabio, 2009.

Roberta Anna Irene Soldà, Luciana Cracco, Mauro Polacco, Giulia Greselin, in "QUADERNI DI PSICOTERAPIA COGNITIVA" 32/2013, pp. 139-148, DOI:10.3280/QPC2013-032010

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche