Clicca qui per scaricare

Trasformazioni evolutive nella psicoterapia cognitiva
Titolo Rivista: PSICOBIETTIVO 
Autori/Curatori: Alessandra Muscetta 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 27-40 Dimensione file:  135 KB
DOI:  10.3280/PSOB2013-002003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Con lo sguardo rivolto al panorama ormai molto ampio del cognitivismo clinico, il lavoro propone alcuni spunti di riflessione su quali siano gli ingredienti attivi del cambiamento nel corso di una psicoterapia: vengono ricordati alcuni tra i contributi teorici principali, come la teoria dell’attaccamento, la Control Mastery Theory, il modello Dialettico-Comportamentale, che, negli ultimi anni, hanno contribuito maggiormente a modificare il ruolo del terapeuta cognitivo trasformandolo da semplice facilitatore del cambiamento a vero e proprio "attore" attivo nel processo terapeutico, consentendo l’ampliamento delle strategie e delle tecniche di intervento integrandole e rinforzandole grazie ai fenomeni osservati nella relazione terapeutica. Ecco che allora la storia di sviluppo del paziente, le sue attitudini relazionali ed il suo assetto motivazionale guidano con maggiore chiarezza il terapeuta nel raggiungimento degli obiettivi concordati grazie ad una rinnovata e più efficace motivazione intrinseca alla cura.


Keywords: Relazione terapeutica; adesione al trattamento; cicli interpersonali; motivazione; cambiamento.

  1. Barnett J. et al. (2012) “Motivational Interviewing for adolescent substance use: A review of the literature”, Addictive Behaviors, 37, 12: 1325-1334
  2. Cionini L. (2002) Psicoterapie: modelli a confronto, Carocci, Roma
  3. Gilbert P. (1989) Human nature and suffering, Lawrence Erlbaum Ass., Hove
  4. Gilbert P., Leahy R.L. (2009) La relazione terapeutica in terapia cognitivo comportamentale, Eclipsi, Firenze
  5. Holmes J. (2004) Psicoterapia per una base sicura, Raffaello Cortina, Milano
  6. Lambruschi F. (2004) Psicoterapia cognitiva dell’età evolutiva. Procedure di assesment e strategie psicoterapeutiche, Bollati Boringhieri, Torino
  7. Liotti G. (1990) “La resistenza al cambiamento delle strutture cognitive”,
  8. Psicobiettivo, 10, 3
  9. Liotti G. (2012) Il paradigma relazionale nel cognitivismo clinico” in “La svolta relazionale, Raffaello Cortina, Milano
  10. Liotti G., Monticelli F. (a cura di) (2008) I sistemi motivazionali nel dialogo clinico, Raffello Cortina, Milano
  11. Manaresi F. (a cura di) (2012) L’intervento clinico in età evolutiva, Carocci, Roma
  12. Pancheri L., Paparo F. (2003) “Fattori terapeutici specifici: il self-righting”, Rivista di Psichiatria, 38, 3
  13. Safer D., Telch C., Chen E. (2012) Binge Eating e bulimia: il trattamento dialettico comportamentale, Raffello Cortina, Milano
  14. Safran J.D., Muran J.C. (2003) Teoria e pratica dell’alleanza terapeutica, Laterza, Roma-Bari
  15. Safran J.D., Segal Z.V. (2003) Il processo interpersonale in psicoterapia cognitiva, Feltrinelli, Milano
  16. Semerari A. (1996) “Resistenza e cambiamento in psicoterapia. il modello cognitivista”, Psicobiettivo, suppl. vol. 1
  17. Semerari A. (2000) Storia, teorie e tecniche della psicoterapia cognitiva, Laterza, Roma-Bari
  18. Shore A. (2003) La regolazione degli affetti e la regolazione del Sé, Astrolabio, Roma

Alessandra Muscetta, in "PSICOBIETTIVO" 2/2013, pp. 27-40, DOI:10.3280/PSOB2013-002003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche