Clicca qui per scaricare

Il caso di antonio. Un contributo dalla prospettiva cognitivo evoluzionista
Titolo Rivista: PSICOBIETTIVO 
Autori/Curatori: Alessandro De Iacobis, Chiara Pazzagli 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  5 P. 96-100 Dimensione file:  176 KB
DOI:  10.3280/PSOB2013-002008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Nell’articolo viene descritta una sequenza clinica verificatasi durante l’analisi di un bambino di nove anni d’età, che soffriva di ansia di separazione, ritiro, inibizione e una marcata immaginazione. Viene sottolineata la particolare qualità della relazione analitica attraverso la quale alcune immagini, apparse nel corso dello scambio clinico che ha contemplato anche il Gioco della Sabbia, si sono rivelate dotate di tratti della psiche inconscia sia del paziente che dell’analista. Il riconoscimento da parte dell’analista di tali "soggetti transizionali" nella stanza d’analisi ha inaugurato una fase di creatività psicologica, intesa come capacità di conferire significati nuovi ai vissuti remoti ed attuali.


Keywords: Analisi junghiana del bambino; immagini; soggetti transizionali; Gioco della Sabbia; stanza d’analisi; psiche inconscia.

  1. Liotti G. (1992) “Disorganized/disoriented attachment in the etiology of the dissociative disorders”, Dissociation, 5, pp. 196-204
  2. Liotti G. (2009) “Attachment and Dissociation”, in Dell P.F., O’Neil J.A. (eds.), Dissociation and the dissociative disorders. DSM V and beyond, Routledge, New York, pp. 53-66
  3. Tomasello M. (2009) Why we cooperate, MIT Press, Cambridge, Mass. London, England
  4. Winnicott D.W. (1953) “Oggetti transizionali e fenomeni transizionali”, in Gioco e realtà, Armando, Roma 2006, pp. 19-53

Alessandro De Iacobis, Chiara Pazzagli, in "PSICOBIETTIVO" 2/2013, pp. 96-100, DOI:10.3280/PSOB2013-002008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche