Clicca qui per scaricare

Il legame che perdura: accordi extragiudiziali e sentimenti di perdita nella separazione per genitori e figli
Titolo Rivista: INTERAZIONI 
Autori/Curatori: Robert Emery 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 99-114 Dimensione file:  517 KB
DOI:  10.3280/INT2013-001008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


A partire dagli anni ’80 l’Autore ha promosso un programma di mediazione familiare nello Stato della Virginia, con sede presso il Tribunale, con l’obiettivo di valutare l’efficacia della mediazione familiare rispetto ai metodi di risoluzione delle controversie basati sullo scontro tra parti opposte; ciò nell’ottica di prevenire l’avvio da parte dei partners in via di separazione di un percorso conflittuale che porti ad un ulteriore deterioramento delle relazioni e fare in modo che la ferita del divorzio non diventi più profonda. È da questa esperienza che ha avuto inizio la ricerca longitudinale presentata nell’articolo, che costituisce un punto di riferimento importante nella panoramica internazionale per lo studio degli esiti della mediazione familiare come metodo di lavoro con le coppie in via di separazione/divorzio o già separate/divorziate al fine di raggiungere accordi cocostruiti dai due genitori riguardo all’affidamento dei figli. Il campione della ricerca è costituito da 71 famiglie che avevano presentato in occasione del divorzio un ricorso in Tribunale per trattare una controversia relativa all’affidamento dei figli, 35 delle quali sono state assegnate casualmente ad un percorso di mediazione della durata di 11 ore e 36 che hanno proseguito un contenzioso in Tribunale. Le famiglie sono state seguite sino a 12 anni di distanza dalla prima rilevazione. I risultati indicano che mentre nel tempo immediatamente successivo al divorzio non si rilevano differenze significative tra i due gruppi (famiglie che hanno seguito una mediazione familiare, famiglie che hanno seguito metodi centrati sulla contrapposizione tra parti opposte), i dati del follow-up condotto a 12 anni di distanza indicano differenze significative, relative in particolare alla frequenza dei contatti tra figli e genitore non convivente che risulta nettamente e significativamente superiore nel gruppo che ha seguito il percorso di mediazione familiare; a ciò si aggiunge il dato della maggiore disponibilità rilevata nelle coppie mediate da parte del genitore non collocatario a condividere i problemi dei figli e a prendere decisioni congiunte. Si è rilevato inoltre che il superamento della controversia è avvenuto per le coppie che hanno seguito la mediazione circa nella metà del tempo che è occorso alle coppie che hanno seguito il percorso contenzioso.


Keywords: Mediazione familiare, divorzio, Tribunale, cooperazione genitoriale, metodi alternativi per la soluzione dei contenziosi.

  1. Beck C.J.A., Sales B.D. (2001). Family Mediation: Facts, Myths, and Future Prospects. Washington, DC: American Psychological Association
  2. Bickerdike A.J., Littlefield L. (2000). Divorce adjustment and mediation: Theoretically grounded process research. Mediation Quarterly, 18: 181-201.
  3. Emery R.E. (1982). Interparental conflict and the children of discord and divorce. Psychological Bulletin, 92: 310-330.
  4. Emery R.E. (1994). Renegotiating Family relationships: Divorce, child custody, and mediation. New York: Guilford.
  5. Emery R.E. (1999). Marriage, divorce, and children’s adjustment (2nd Ed.). Thousand Oaks, CA: Sage.
  6. Emery R.E. (2004). The truth about children and divorce: Dealing with the emotions so you and your children can thrive. New York: Viking/Penguin.
  7. Emery R.E., Forehand R. (1994). Parental divorce and children’s well-being: A focus on resilience. In Haggerty R.J., Sherrod L., Garmezy N., Rutter M. (Eds.), Risk and Resilience in Children (pp. 64-99). London: Cambridge University Press.
  8. Emery R.E., Laumann-Billings L., Waldron M., Sbarra D.A., Dillon P. (2001). Child custody mediation and litigation: Custody, contact, and co-parenting 12 years after initial dispute resolution. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 69: 323-332. DOI 10.1037/0022-006X.69.2.323.
  9. Emery R.E., Matthews S.G., Kitzmann K.M. (1994). Child custody mediation and litigation: Parents satisfaction and functioning a year after settlement. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 62: 124-129.
  10. Emery R.E., Matthews S., Wyer M.M. (1991). Child custody mediation and litigation: Further evidence of the differing views of mothers and fathers. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 59: 410-418. DOI 10.1037/0022006X.59.3.410.
  11. Emery R.E., Wyer M.M. (1987a). Divorce mediation. American Psychologist, 42: 472-480. DOI 10.1037/0003066X.42.5.472.
  12. Emery E.E., Wyer M.M. (1987b). Child custody mediation and litigation: An experimental evaluation of the experience of parents. Journal of Consulting and Clinical Psychology, 55: 179-186. DOI 10.1037/0022-006X.55.2.179.
  13. Grillo T. (1991). The mediation alternative: Process dangers for women. Yale Law Journal, 100: 1545-1610.
  14. Jones T.S., Bodtker A. (1999). Agreement, maintenance, satisfaction and relitigation in mediated and non-mediated custody cases: A research note. Journal of Divorce and Remarriage, 32: 17-31.
  15. Kelly J.B. (1991). Parent interaction after divorce: Comparison of mediated and adversarial divorce processes. Behavioral Sciences and the Law, 9: 387-398.
  16. Kelly J.B. (1996). A decade of divorce mediation research: Some answers and questions. Family and Conciliation Courts Review, 34: 373-385.
  17. Kelly J.B., Duryee M.A. (1992). Women’s and men’s views of mediation in voluntary and mandatory mediation settings. Family and Conciliation Courts Review, 30: 34-49.
  18. Kelly J., Emery R.E. (2003). Children’s adjustment following divorce: Risk and resilience perspectives. Family Relations, 52: 352-362. DOI 10.1111/j.17413729.2003.00352.x.
  19. Kelly J.B., Gigy L. (1989). Divorce mediation: Characteristics of clients and outcomes.
  20. In Kressel K., Pruitt D.G. (Eds.), Mediation research (pp. 263-283). San Francisco: Jossey-Bass.
  21. Kitzmann K.M., Emery R.E. (1993). Procedural justice and Parents’ satisfaction in a field study of child custody dispute resolution. Law and Human Behavior, 17: 553-567. DOI 10.1007/BF01045073.
  22. Kitzmann K.M., Emery R.E. (1994). Child and family coping one year following mediated and litigated child custody disputes. Journal of Family Psychology, 8: 150-159. DOI 10.1037/08933200.8.2.150.
  23. Laumann-Billings L., Emery R.E. (2000). Distress among young adults from divorced families. Journal of Family Psychology, 14: 671-687. DOI 10.1037/0893-3200.14.4.671.
  24. McIntosh J. (2000). Child-inclusive divorce mediation: Report on a qualitative research study. Mediation Quarterly, 18: 55-69. DOI 10.1002/crq.3890180106.
  25. Pryor J., Rodgers B. (2001). Children in changing families. Life after parents separate. Oxford: Blackwell Publishers.
  26. Seltzer J.A. (1991). Relationships between fathers and children who live apart: The father’s role after separation. Journal of Marriage and the Family, 53: 79-101.
  27. U.S. Bureau of the Census (1992). Marriage, divorce, and remarriage in the 1990’s. Current Population Reports (pp. 23-180). Washington, DC: Government Printing Office.
  28. Wallerstein J.S. (2003). Children of divorce: A society in search of policy. In Mason M.A., Skolnick A., Sugarman S.D. (Eds.), All our families: New policies for a new century (pp. 66-95). New York: Oxford University Press.

Robert Emery, in "INTERAZIONI" 1/2013, pp. 99-114, DOI:10.3280/INT2013-001008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche