Clicca qui per scaricare

Turismo, beni culturali e occupazione in provincia di Brescia
Titolo Rivista: QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO 
Autori/Curatori: Tiziana Tagliaferri 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: 100 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  57 P. 21-77 Dimensione file:  800 KB
DOI:  10.3280/QUA2013-100003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La provincia di Brescia costituisce uno dei principali poli industriali del Paese. Fino adun recente passato, lo sviluppo e il consolidamento di una struttura produttiva di questo tipoha distolto le forze locali dal considerare e valorizzare pienamente il patrimonio ambientale,artistico, archeologico e culturale in genere, di cui alcune aree sono particolarmente dotate.Tuttavia, come insegna l’esperienza recente, gli effetti della globalizzazione sul mercatodel lavoro e l’innovazione tecnologica stanno favorendo il prodursi di una dicotomia tra centridi innovazione, caratterizzati dalla presenza di manodopera altamente qualificata ed elevatilivelli di reddito, e aree a produzione tradizionale che rischiano di scivolare sempre piùalla deriva dal punto di vista occupazionale e retributivo. Per evitare questo rischio, un elementoritenuto fondamentale è lo sviluppo di creatività, strettamente connesso alla gestionee all’incremento del patrimonio culturale di un determinato territorio.Con riferimento alla realtà bresciana, le problematiche che caratterizzano questo mercatodel lavoro e l’andamento dei flussi turistici in provincia spingono a considerare il turismo,e in particolare il turismo culturale, come una delle possibilità di sviluppo su cui concentraregli sforzi nel prossimo futuro. All’interno della provincia, un’area che sembra particolarmenteidonea a raccogliere questa sfida è la Valle Camonica, primo sito italiano ad essereincluso nella Lista dei Patrimoni dell’Umanità sotto la tutela dell’Unesco, e dove, nel 2009,ha preso l’avvio il primo Distretto culturale della Lombardia.


  1. Amisano G. e Trecroci C. (2002). Le tendenze dell’offerta e della domanda di lavoro. I quaderni di Brescia e impresa, 4.
  2. Candela G. e Figini P. (2010). Economia del turismo e delle destinazioni. Milano: McGraw Hill.
  3. Frey B. S. (2008). Happiness: A Revolution in Economics. The MIT Press.
  4. Frey L. (1991). La disoccupazione in Italia: il punto di vista degli economisti. Quaderni di economia del lavoro, 36.
  5. ISTAT. Annuario statistico italiano 2012.
  6. ISTAT (1997). I sistemi locali del lavoro 1991. Argomenti, 10.
  7. Keynes J. M.(2009). Possibilità economiche per i nostri nipoti. Milano: Adelphi.
  8. Latouche S. (2009). La scommessa della decrescita. Milano: Feltrinelli.
  9. Moretti E. (2013). La nuova geografia del lavoro. Milano: Mondadori.
  10. Tagliaferri T. e Rillosi F. (2011). La comunicazione turistica e la promozione del territorio. In: CREAP. La comunicazione nella governance dei comuni italiani. Milano: FrancoAngeli.
  11. www.provincia.brescia.it
  12. cfr.www.congiuntur.it.
  13. www.vallecamonicacultura.it



  1. Tiziana Tagliaferri, Il turismo culturale come opportunità per il mercato del lavoro bresciano in QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO 105/2017 pp. , DOI: 10.3280/QUA2016-105011
  2. Maria Immacolata Simeon, Assunta Martone, Relationships between Heritage, Intangible Capital and Cultural and Creative Industries in Italy: A Framework Analysis for Urban Regeneration and Territorial Development in Advanced Engineering Forum /2014 pp. 149, DOI: 10.4028/www.scientific.net/AEF.11.149

Tiziana Tagliaferri, in "QUADERNI DI ECONOMIA DEL LAVORO" 100/2013, pp. 21-77, DOI:10.3280/QUA2013-100003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche