Clicca qui per scaricare

Cinque azioni per la crescita e l’occupazione, in un contesto di politiche contro l’"austerità espansiva"
Titolo Rivista: ECONOMIA E SOCIETÀ REGIONALE  
Autori/Curatori: Paolo Pini 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  11 P. 86-96 Dimensione file:  707 KB
DOI:  10.3280/ES2013-002005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


La crisi economica italiana richiede interventi urgenti per contrastare la doppia recessione e sostenere l’occupazione e la crescita. Cinque aree di azione sono indicate: a) infrastrutture e tutela del territorio; b) occupazione e redditi per i giovani; c) innovazione nei posti di lavoro; d) contrasto della stretta creditizia e regolamentazione finanziaria; e) salari, tasse e drenaggio fiscale. Questi interventi richiedono risorse che non possono essere reperite nell’attuale contesto di austerità. È necessaria una modificazione dello scenario attuale di politica economica a livello europeo che oggi sacrifica l’occupazione e la crescita.


Keywords: Crisi economica, politica economica, crescita e occupazione

  1. Antonioli D. e Pini P. (2013). Contrattazione, dinamica salariale e produttività: ripensare gli obiettivi ed i metodi. Quaderni di Rassegna sindacale. Lavori, 14(2): 39-93.
  2. Brancaccio E. (2012). Current Account Imbalances, the Eurozone Crisis and a Proposal for a European Wage Standard. International Journal of Political Economy, 41(1): 47-65.
  3. Damiani M., Pompei F. e Ricci A. (2011). Temporary job protection and productivity growth in EU economies. Munich: Personal RePEc Archive, MPRA Paper, 29698. .
  4. CER e Ires - Centro Europa Ricerche e Istituto di ricerche economiche e sociali (2013). La dinamica salariale tra inflazione, federalismo e fiscal drag, marzo. Roma, mimeo.
  5. EC (2012). Employment and Social Developments in Europe 2012. European Commission. Luxembourg: Publications Office of the European Union, November.
  6. EC (2013). European Economic Forecast. European Economy,1. Brussels: European Commission, Winter 2013.
  7. Etui - European Trade Union Institute (2013). Wage Development Infographic.
  8. Etui. .
  9. Eurofound (2012). NEETs. Young People not in Employment, Education or Training: Characteristics, Costs and Policy Responses in Europe. Dublino: Eurofound.
  10. Istat (2012). Rapporto annuale 2012. La situazione del Paese. Roma: Istat.
  11. Krugman P. (2012). Death of a Fairy Tale. New York Times, 26 April.
  12. Krugman P. (2013). Looking for Mister Goodpain. New York Times, 31 January.
  13. Masciandaro D. (2013). Più coraggio contro la finanza tossica. Il Sole 24 Ore, 16 Marzo.
  14. Michie J. e Sheehan M. (2003). Labour Market Deregulation, “Flexibility” and Innovation. Cambridge Journal of Economics, 27(1): 123-143.
  15. Pini P. (2013a). What Europe Needs to Be European. Economia Politica, 30(1) in corso di pubblicazione.
  16. Pini P. (2013b). Minori tutele del lavoro e contenimento salariale, favoriscono la crescita della produttività? Una critica alle ricette della BCE. Economia e società regionale, XXXI(1): 50-82.
  17. Sbilanciamoci.info (2013). Quale reddito minimo. Sbilanciamoci.info: .
  18. Watt A. (2012). La crisi europea e la dinamica dei salari. In: Rossanda R. e Pianta M., a cura di. La rotta d’Europa. La crisi finanziaria e le alternative per l’Europa. Il dibattito di Sbilanciamoci! e il manifesto. Vol. 1, L’economia: 135-141. Roma: sbilibri, 2, aprile 2012. .
  19. Watt A. (2007). The Role of Wage-Setting in a Growth Strategy for Europe. In: Arestis P., Baddeley M. e McCombie J. (eds.). Economic Growth. New Directions in Theory and Policy. Cheltenham (UK): Edward Elgar: 178-199.

Paolo Pini, in "ECONOMIA E SOCIETÀ REGIONALE " 2/2013, pp. 86-96, DOI:10.3280/ES2013-002005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche