Clicca qui per scaricare

Psicoterapia cognitiva. Quale integrazione possibile?
Titolo Rivista: QUADERNI DI PSICOTERAPIA COGNITIVA 
Autori/Curatori: Hèctor Férnandez Alvarez 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: 33 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  10 P. 9-18 Dimensione file:  119 KB
DOI:  10.3280/QPC2013-033002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


In questo articolo viene proposta una rilettura del percorso storico della psicologia e della psicoterapia cognitiva. La psicoterapia cognitiva è un territorio con molti componenti, particolarmente frammentato e caratterizzato da una grande diversità di aspetti. Per discutere se sia possibile integrare, è prima necessario capire le differenze e, soprattutto, l’origine di queste differenze. Lo scopo di questo lavoro è di fornire un quadro di riferimento che permetta di capire quali e su quali basi è possibile pensare oggi a una integrazione di modelli differenti. La prospettiva interessante potrebbe essere applicare alla terapia Cognitiva le linee che hanno dominato il campo dell’integrazione in generale. Abbiamo identificato quattro linee principali: a) fattori comuni; b) eclettismo tecnico; c) assimilazione integrativa d) integrazione teorica.


Keywords: Terapia cognitiva, integrazione

  1. Adams F., Aizawa K. (2008). The bounds of cognition. Oxford: Blackwell.
  2. David D., Hofmann S.G. (2013). Another error of Descartes? Implications for the “third wave” cognitive-behavioral therapy. Journal of Cognitive and Behavioral Psychotherapies. 13 (1): 115-124.
  3. Gelso C. (2011). Emerging and continuing trends in psychotherapy. Psychotherapy, 48 (2): 182-187., 10.1037/a002344DOI: 10.1037/a002344
  4. Hayes S. (2012). Humanistic psychology and contextual behavioral perspectives. Psychotherapy, 49 (4): 455-460., 10.1037/a0027396HofmannS.G.,AsnaaniA.,VonkJ.J.,SawyerA.T.,FangA.(2012).Theefficacyofcognitivebehavioraltherapy:areviewofmeta-analyses.Cognit.Ther.Res.,36(5):427-440.doi:10.1007/s10608-012-9476-DOI: 10.1037/a0027396HofmannS.G.,AsnaaniA.,VonkJ.J.,SawyerA.T.,FangA.(2012).Theefficacyofcognitivebehavioraltherapy:areviewofmeta-analyses.Cognit.Ther.Res.,36(5):427-440.doi:10.1007/s10608-012-9476-
  5. Mahoney M., Gabriel T.J. (1987). Psychotherapy and cognitive sciences: an evolving alliance. Journal of Cognitive Psychotherapy, 1 (1): 60. Osbeck L. (2009). Transformations in Cognitive Science: Implications and Issus Posed. Journal of Theoretical and Philosophical Psychology, 29 (1): 16-33.
  6. Pacciolla A., Mancini F., editors (2010). Cognitivismo esistenziale. Del significato del sintomo al significato della vita. Milano: FrancoAngeli.
  7. Paris J. (2013). How the history of psychotherapy interferes with integration. Journal of Psychotherapy Integration, 23 (2): 99-106.
  8. Rapaport D. (1967). La estructura de la teoría psicoanalítica. Buenos Aires: Paidós (version original: The Structure of Psychoanalytic Theory, 1960, New York: Int. Univ. Press).
  9. Sembrano A.G. (2010). Possibili integrazioni con el cognitivismo. In Pacciolla A., Mancini F., Cognitivismo esistenziale, Milano: FrancoAngeli, pp. 21-47.
  10. Young J.E., Klosko J.W, Weishaar M.E. (2003). Schema Therapy: A Practitioner’s Guide. New York: Guilford Press.

Hèctor Férnandez Alvarez, in "QUADERNI DI PSICOTERAPIA COGNITIVA" 33/2013, pp. 9-18, DOI:10.3280/QPC2013-033002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche