Clicca qui per scaricare

La ricostruzione postbellica e il paesaggio urbano storico di Tokyo
Titolo Rivista: STORIA URBANA  
Autori/Curatori: Nakajima Naoto 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: 140-141 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  27 P. 127-153 Dimensione file:  2753 KB
DOI:  10.3280/SU2013-140005
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il presente saggio analizza la trasformazione del paesaggio urbano storico di Tokyo dopo la Seconda guerra mondiale, attraverso alcuni casi studio in aree urbane specifi che e il dibattito condotto dai maggiori urbanisti e architetti dell’epoca. Tokyo, che aveva conservato il suo paesaggio urbano storico soprattutto sottoforma di "luoghi celebri" e giardini pubblici, fu rasa al suolo dai molti raids aerei. Se molti edifi ci furono distrutti durante la guerra e nuovi ne vennero costruiti dopo il confl itto, i canali storici, i fossati e gli spazi pubblici con acqua, che erano la caratteristica peculiare del paesaggio urbano di Tokyo fi n dal periodo Edo, dopo la guerra furono spesso in pericolo di scomparire a causa del nuovo sviluppo urbano o di essere utilizzati per accumulare le macerie. E infatti molti canali, fossati e laghi furono interrati, nonostante i molti movimenti a favore della loro conservazione. Ishihara Kenji, che fu il fondatore del Movement for Civic Art in Giappone e leader dell’opposizione contro la distruzione del paesaggio urbano storico, nel 1959 pose la questione fondamentale del diritto allo spazio pubblico, insieme ai diritti dell’individuo, partendo dall’osservazione dell’enorme diffusione dei dispositivi pubblicitari che era possibile vedere dalla fi nestra del treno. La guerra, insieme con i danni, la sconfi tta e la ricostruzione, ha indebolito nei cittadini la consapevolezza che il paesaggio urbano sia un bene pubblico e della comunità.


Keywords: Ricostruzione postbellica Pianifi cazione urbana Paesaggio storico urbano Paesaggio d’acqua Ishihara Kenji

Nakajima Naoto, in "STORIA URBANA " 140-141/2013, pp. 127-153, DOI:10.3280/SU2013-140005

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche