Clicca qui per scaricare

Il ruolo del giappone nell’adozione della convenzione per la protezione dei beni culturali in caso di conflitto armato (convenzione dell’Aja, 1954)
Titolo Rivista: STORIA URBANA  
Autori/Curatori: Hiraga Amana, Fujioka Mariko 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: 140-141 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  42 P. 221-262 Dimensione file:  2831 KB
DOI:  10.3280/SU2013-140008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Nel novembre 1945, poco dopo la fi ne della Seconda guerra mondiale, fu adottata la Costituzione dell’Unesco, che venne così istituita. Uno dei ruoli di questa organizzazione internazionale è la preparazione e diffusione fra le nazioni di convenzioni internazionali necessarie per la salvaguardia dei beni culturali. Fino al 2011, l’Unesco ha adottato sei di queste convenzioni, la prima delle quali è la "Convenzione per la protezione dei beni culturali in caso di confl itto armato (Convenzione dell’Aja)", adottata nel 1954. Infatti, per la comunità internazionale che aveva appena esperito due distruzioni su larga scala di patrimonio culturale durante due guerre mondiali, la necessità di proteggere i beni culturali contro gli effetti di confl itti armati era allora acutamente sentita. Il Giappone ha ratifi cato la Convenzione dell’Aja nel 2007, più di cinquant’anni dopo la sua adozione. Tuttavia, il Giappone inviò i suoi esperti alle conferenze internazionali relative alla convenzione e rese note le sue opinioni fi n dall’inizio degli anni Cinquanta, quando iniziò il processo di redazione della convenzione. In seguito alla sua adozione, il Giappone iniziò numerose e decise iniziative a livello nazionale in vista della ratifi ca. Dopo un breve excursus storico sulla Convenzione dell’Aja e sulle altre leggi che hanno condotto alla sua elaborazione, questo studio si propone di mettere in luce la cooperazione internazionale e il contributo del Giappone alla convenzione nei momenti iniziali della sua stesura, quando il Giappone stesso stava ricostituendosi come nazione pacifi ca.


Keywords: Seconda guerra mondiale Convenzione dell’Aja del 1954 Unesco Salvaguardia dei beni culturali in Giappone Sekino Masaru

Hiraga Amana, Fujioka Mariko, in "STORIA URBANA " 140-141/2013, pp. 221-262, DOI:10.3280/SU2013-140008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche