Clicca qui per scaricare

I pesci e la loro acqua: come pazienti e terapeuta sperimentano il cambiamento attraverso un’esperienza di follow up
Titolo Rivista: TERAPIA FAMILIARE 
Autori/Curatori: Laura Colangelo 
Anno di pubblicazione:  2013 Fascicolo: 103 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  23 P. 9-31 Dimensione file:  279 KB
DOI:  10.3280/TF2013-103002
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


L’autrice presenta una ricerca qualitativa di follow up su otto psicoterapie sistemiche individuali, di coppia e familiari. Attraverso interviste separate alla terapeuta e ai pazienti, si confrontano le rispettive idee sui cambiamenti attribuiti al percorso terapeutico e sui fattori che li avevano generati. Questo contributo si limita a confrontare la percezione del cambiamento da parte del terapeuta e dei pazienti. L’autrice argomenta come il follow up non possa essere considerato una mera valutazione di una terapia conclusa, ma sia inevitabilmente una situazione cui i pazienti danno significato anche in relazione ai vissuti caratterizzanti la conclusione della psicoterapia. A suo avviso, la modalità scelta deve essere coerente con il punto di vista sistemico-costruzionista sul cambiamento e tale da non rimettere la persona nella posizione di paziente. Per quanto riguarda la valutazione degli esiti, viene confermata l’ipotesi che vi fosse un sostanziale accordo sugli esiti tra terapeuta e pazienti e che il punto di vista sui risultati fosse più simile che quello sulle spiegazioni di essi. Interessante è che per ogni percorso emerga una valorizzazione diversa dei vari tipi di cambiamento percepiti.


Keywords: Follow up, cambiamento, esiti, prospettiva dei pazienti e del terapeuta, ricerca qualitativa, IPA

  1. Greco O. (2006). Il lavoro clinico con le famiglie complesse. Il test la Doppia Luna nella ricerca e nella terapia. Milano: FrancoAngeli.
  2. Leiblich A., Tuval-Mashiach R., Zilber T. (1998). Narrative research: Reading, Analysis and Interpretation. London: Sage.
  3. Rautiainen E., Seikkula J. (2010). Focusing on therapists in co-research interviews: how do therapists see couple therapy? Journal of systemic therapies, 29, 3: 23-43.
  4. Ruggeri G., Picelli A., Picardi A., (2005). La valutazione del cambiamento terapeutico. Giornale italiano di Psicopatologia, 11.
  5. Smith J.A., Osborn M. (2003). Interpretative phenomenological analysis. In: Smith J.A., Qualitative psychology: a practical guide to research methods. London: Sage.
  6. Ugazio V., Fellin L., Pennacchio R., Negri A., Colciago F. (2010). L’ermeneutica triadica sistemica è davvero estranea al senso comune? Terapia Familiare, 92: 31-54.
  7. White M., Epson D. (1990). Literate Means to Therapeutic Ends. Adelaide: Dulwich Centre Publications.
  8. Andolfi M., Angelo C., D’Atena P. (2001). La terapia narrata dalle famiglie. Milano: Raffaello Cortina.
  9. Capps L., Bonanno G.A. (2000) Narrating Bereavement: Thematic and Grammatical Predictors of Adjustment to Loss. Discourse Processes, 30 (1).
  10. Colangelo L. (2008). Il follow up come momento di “reflecting team”. Connessioni, 21.
  11. Fruggeri L. (1990). Dalla individuazione di resistenze alla costruzione di differenze. Riflessione sui processi di persistenza e cambiamento in psicoterapia. Psicobiettivo, X (3).



  1. Impossibile comunicare con Crossref: The remote server returned an error: (404) Not Found.

Laura Colangelo, in "TERAPIA FAMILIARE" 103/2013, pp. 9-31, DOI:10.3280/TF2013-103002

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche