Clicca qui per scaricare

Tutela della sicurezza sul lavoro e prevenzione dei rischi per le lavoratrici: un nuovo terreno per il gender mainstreaming
Titolo Rivista: SALUTE E SOCIETÀ 
Autori/Curatori: Roberta Nunin 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  16 P. 111-126 Dimensione file:  536 KB
DOI:  10.3280/SES2014-001010
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


The article, based on the critique of the neutrality of science, examines the transformations in the productive sphere with the presence of women; it analyses the obstacles and the consequences of this transformation for health and safety at work. Organizational models, welfare systems, business strategies and applications of law are contradictory and need to be revised, by applying, in the right size, the category of gender that can provide a significant heuristic contribution, especially to put into practice the prevention and integration of social and health care. Only in this way gender will not be a simple statistical variable, but it becomes a innovative interpretative key, that may be utilized to derive important implications for the promotion of quality of life.


Keywords: Genere, salute, differenze, epistemologia, lavoro, famiglia

  1. Barnett R.C. (1998). Gender, Job stress and Illness, in www.ilo.org/safework_bookshelf
  2. Biancheri R. (2013). Cosa significa prevenire e valutare il rischio in ottica di genere? Dalla normativa alla sua applicazione: il contributo della sociologia. In: Biancheri R., Carducci A., Foddis R., a cura di, Salute e sicurezza sul lavoro, una questione anche di genere. Rischi lavorativi, un approccio multidisciplinare. Quaderno tematico della Rivista degli infortuni e delle malattie professionali, 4: 7-18
  3. Bozzao P. (2010). Le questioni di genere nella protezione sociale del lavoro discontinuo. Lavoro e diritto, 3: 399-423,, DOI: 10.1441/3252
  4. Commissione Europea (2002). Adattarsi alle trasformazioni del lavoro e della società: la nuova Strategia Europea per la salute e sicurezza 2002-2006, COM (2002) 118 def.
  5. Commissione Europea (2007). Migliorare la qualità e la produttività sul lavoro: La strategia comunitaria 2007-2012 per la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro, COM(2007) 62
  6. Commissione Europea (2010). Comunicazione al Parlamento Europeo, al Consiglio, al Comitato Economico e Sociale Europeo e al Comitato delle Regioni. Strategia per la parità tra donne e uomini 2010-2011 [COM(2010) 491]
  7. De Simone G. (2010). Precarietà vs. stabilità. Ma che genere di stabilità? Lavoro e diritto, 3: 377-397,, DOI: 10.1441/3252
  8. European Agency for Safety and Health at Work (2003). Gender issues in safety and health at work. A review, in www.osha.europa.eu
  9. European Agency for Safety and Health at Work (2005). Mainstreaming gender into occupational safety and health, in www.osha.europa.eu
  10. European Agency for Safety and Health at Work (2009). Workface diversity and risk assessment: Ensuring Everyone is covered, in www.osha.europa.eu
  11. European Agency for Safety and Health at Work - European Risk Observatory (2011). Risks and Trends in the Safety and Health of Women at Work, in www.osha.europa.eu
  12. Ferrua S., Giovannone M. (2008). Gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari e tipologie di lavoro flessibile: la valutazione del rischio. In: Tiraboschi M., a cura di, Il Testo unico della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Commentario al decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81. Milano: Giuffrè: 419
  13. INAIL (2013). Dossier “Donne, lavorare in sicurezza”, in www.inail.it
  14. International Labour Organization (2009). Providing safe and healthy workplaces for both women and men, Geneva, in www.ilo.org
  15. IRES (2008). Donne e lavoro atipico: un incontro molto contraddittorio, rapporto a cura di Altieri G., Ferrucci G. e Dota F., in www.ires.it
  16. ISPESL. Dipartimento di Medicina del Lavoro (2009). Donne e lavoro: una prospettiva che cambia, in www.ispesl.it
  17. Ninci A. (2009). Le differenze di genere e l’impatto su salute e sicurezza in ambito lavorativo. Diritto delle Relazioni Industriali, 3: 800
  18. Nunin R. (2010). Precarietà, lavoro femminile e tutela della salute e della sicurezza. Lavoro e diritto, 3: 425-438,, DOI: 10.1441/3252
  19. Nunin R. (2011). Lavoro femminile e tutela della salute e della sicurezza: nuovi scenari per una prospettiva di genere dopo il d.lgs. n. 81/2008. Rivista del Diritto della Sicurezza Sociale, 2: 383-400,, DOI: 10.3241/3494
  20. Nunin R. (2012). La prevenzione dello stress lavoro-correlato. Profili normativi e responsabilità del datore di lavoro. Trieste: EUT
  21. Palidda R. (2008). Diversamente atipiche. Disuguaglianze di genere e costi della flessibilità. Genesis, 1-2: 15,, DOI: 10.1400/12900
  22. Paluzzano R. (2010). Infortuni sul lavoro e malattie professionali: un approccio di genere. In: Brollo M., Serafin S., a cura di, Il corpo delle donne. Tra discriminazioni e pari opportunità. Udine: Forum: 147
  23. Scarponi S. (2010). Precarietà e tutela del lavoro femminile. Lavoro e diritto, 3: 359-375,, DOI: 10.1441/3252
  24. Trapanese D. (2009). Salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. In: Ajani G., Bernacchio G.A., diretto da, Trattato di diritto privato dell’Unione Europea, vol. V (a cura di Sciarra S., Caruso B.), Il lavoro subordinato. Torino: Giappichelli: 77
  25. Villa P. (2010). La crescita dell’occupazione femminile: la polarizzazione tra stabilità e precarietà. Lavoro e diritto, 3: 343-358,, DOI: 10.1441/3252
  26. World Health Organization (2006), Gender Equality, Work and Health: a Review of the Evidence, Geneva



  1. Rita Biancheri, Silvia Cervia, Migliorare la salute delle donne nei luoghi di lavoro: aspetti normativi e gestione dei rischi. Una ricerca in Toscana in STUDI ORGANIZZATIVI 1/2015 pp. 44, DOI: 10.3280/SO2015-001003

Roberta Nunin, in "SALUTE E SOCIETÀ" 1/2014, pp. 111-126, DOI:10.3280/SES2014-001010

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche