Clicca qui per scaricare

La prospettiva di genere nella valutazione dell’esposizione ai rischi lavorativi
Titolo Rivista: SALUTE E SOCIETÀ 
Autori/Curatori: Annalaura Carducci, Elisa Caponi 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  9 P. 159-167 Dimensione file:  512 KB
DOI:  10.3280/SES2014-001013
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


In order to create a correct gender-sensitive risk assessment, hazards identification and exposure evaluation have to be led considering several inequalities related to gender differences. In this respect, authors put their attention to different occupational segregations (both horizontal and vertical) and to various hazards (injuries, chemical, physical, ergonomic, biological and psychosocial) to which female and male workers are submitted, to create a more realistic picture of all the risks which mostly affect safety and health at work. To generate a complete view of occupational risks, authors also consider the unequal domestic load distribution between male and female workers which takes the latters to be exposed to multiple hazards, both in domestic and working places. It also provides an overall picture of useful indications to a correct evaluation and to a proper risks management, to improve health and safety level of all workers.


Keywords: Differenza di genere, valutazione dei rischi, esposizione, rischi lavorativi, segregazione occupazionale, lavoratori/trici

  1. Arena F., Valzania A., a cura di (2003). Dalla percezione del rischio alla prevenzione per la salute delle donne: osservazione sulla salute e sicurezza di genere nel lavoro in Toscana (2002-2003): Rapporto ALT-Onlus: giornata di lavoro, Firenze
  2. Biancheri R. (2013). Cosa significa prevenire e valutare il rischio in ottica di genere? Dalla normativa alla sua applicazione: il contributo della sociologia. In: Salute e Sicurezza sul lavoro, una questione anche di genere- Rischi lavorativi. Un approccio multidisciplinare. Rivista degli infortuni e delle malattie professionali. INAIL, 4
  3. Biancheri R. (2012a). Benessere tra differenze e disuguaglianze di genere in salute. In: Niero M., Bertin G., a cura di, Società e salute numero monografico Vulnerabilità e fragilità sociale. Una teoria delle disuguaglianze di salute. FrancoAngeli
  4. Biancheri R., a cura di (2012b). La rivoluzione organizzativa. Differenze di genere nella gestione delle risorse umane. Pisa: Plus University press
  5. Biancheri R. (2011). Nuove soggettività femminili: formazione e lavoro. Sociologia e ricerca sociale. 95: 103-138,, DOI: 10.3280/SR2011-09500
  6. Bregnhoj A., Sosted H., Menné T., Johansen J.D. (2011). Healthy worker effect in hairdressing apprentices. Contats Dematitis, 64(2): 80-4,, DOI: 10.1111/j.1600-0536.2010.01831.
  7. Carducci A., Caponi E. (2013). Differenze di genere nell’esposizione a rischi lavorativi. In: Salute e Sicurezza sul lavoro, una questione anche di genere – Rischi lavorativi. Un approccio multidisciplinare. Rivista degli infortuni e delle malattie professionali. INAIL, vol. 4
  8. Engdahl B., Krog N.H., Kyestad E., Hoffaman H.J., Tambs K. (2012). Occupation and the risk of bothersome tinnitus: results from a prospective cohort study (HUNT). BMJ Open, 2,, DOI: 10.1136/bmjopen-2011-00051
  9. Eurofound (2012) Fifth European Working Conditions Survey. Luxembourg: Publications Office of the European Union
  10. Figà Talamanca I. (2001). I rischi delle attività lavorative sono misurati esclusivamente sul lavoratore maschio. In: Una salute a misura di donna. Atti del gruppo di lavoro “Medicina Donna Salute” INAIL (2011). Rapporto annuale INAIL 2011. Roma
  11. Marinaccio A., Di Marzio D., Binazzi A., Napoli G., Businelli A., Crema M., Di Leone G., Ferrari D., Ferraris D., Ferraris F.F., Galli P., Latini L., Masucci A., Quercia A., Stoppini R., Vianello L., Scarselli A., Massari S., Iavicoli S. (2010). I dati sanitari aggregati e di rischio dei lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria. Med Lav, 101, 4: 252-261
  12. Messing K., Saurel-Cubizolles M.J., Bourgine M., Kaminski M. (1992). Menstrual-cycle characteristics and work conditions of workers in poultry slaughterhouses and canneries. Scand J Work Environ Health, 18(5): 302-309,, DOI: 10.5271/sjweh.157
  13. National Research Council (1983). Risk assessment in the federal government. Managing the process. Washington, DC: National Academy Press
  14. Scarselli A., Vonesch N., Melis P., Massari S., Tomao P., Marinaccio A., Iavicoli S. (2010). Biological risk at work in Italy: results from the national Registrer of occupational Exposures. Industrial Health, 48: 365-369
  15. WHO (2004). IPCS Risk Assessment Terminology, Harmonization Project Document No. 1



  1. Rita Biancheri, Silvia Cervia, Migliorare la salute delle donne nei luoghi di lavoro: aspetti normativi e gestione dei rischi. Una ricerca in Toscana in STUDI ORGANIZZATIVI 1/2015 pp. 44, DOI: 10.3280/SO2015-001003

Annalaura Carducci, Elisa Caponi, in "SALUTE E SOCIETÀ" 1/2014, pp. 159-167, DOI:10.3280/SES2014-001013

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche