Clicca qui per scaricare

Ergonomia e organizzazione: un connubio percepito dalle imprese?
Titolo Rivista: RISORSA UOMO  
Autori/Curatori: Tiziana C. Callari, Alessandra Re 
Anno di pubblicazione:  2012 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  10 P. 77-86 Dimensione file:  628 KB
DOI:  10.3280/RU2012-001008
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


By presenting the results of the project Models for Ergonomics Management and Safety in the Workplace on the ergonomics needs expressed by Piedmonts’ enterprises, the article retraces the development of Ergonomics in Italy, the domains of application and the open challenges in the organizational area. Ergonomics is characterized by strong interdisciplinary and a design-driven approach, aimed at the optimization of the human well-being and overall life and work systems performance. Due to a lacking tradition of ergonomic studies in Italy, the research documents how the perceived need, and therefore the demand, are essentially shaped by vigilance committees requirements, principally oriented to physical ergonomics measures, rather than a perception of the advantages offered by the discipline, in its different application areas.

Nel presentare i risultati del progetto Modelli per la Gestione dell’Ergonomia per la Sicurezza sui Luoghi di Lavoro, l’articolo analizza il fabbisogno ergonomico espresso dalle imprese piemontesi e ripercorre lo sviluppo dell’Ergonomia in Italia, i campi di applicazione e le sfide ancora aperte in ambito organizzativo. L’Ergonomia è caratterizzata da una forte interdisciplinarità e progettualità finalizzata all’ottimizzazione del benessere umano e della performance globale dei sistemi di vita e di lavoro. Considerando la diffusione ancora limitata del sapere ergonomico in Italia, la ricerca documenta come il fabbisogno percepito, e quindi la domanda, risultino sollecitati più dall’azione degli organi di vigilanza, prioritariamente attenti ad aspetti di ergonomia fisica, che dalla percezione dei vantaggi offerti dalla disciplina, nelle diverse aree di applicazione
Keywords: Ergonomia, organizzazione del lavoro, sistemi di lavoro, sicurezza, performance

  1. Babbie, E. R. (2009). The practice of social research (12th ed.). Belmont, CA: Wadsworth.
  2. Bagnara, S. (1996, Novembre). Metodi tradizionali e metodi innovativi nell'ergonomia di trasformazione. Paper presented at the Convegno "Metodologie in Ergonomia" (SIE), Torino, Italia.
  3. Cardano, M. (2003). Tecniche di ricerca qualitativa. Percorsi di ricerca nelle scienze sociali. Roma: Carocci.
  4. Cardano, M. (2011). La ricerca qualitativa. Bologna: il Mulino.
  5. Clot, Y. (2006). La funzione psicologica del lavoro (L. Scheller, Trans.). Roma: Carocci. (Original work published 1999).
  6. Corbetta, P. (2003). La ricerca sociale: metodologia e tecniche. Le tecniche qualitative. (Vol. 3). Bologna: il Mulino.
  7. Disegno di Legge N° 1047, d’iniziativa del senatore Bestianoni, comunicato alla Presidenza il gennaio 2002. Disciplina di alcune figure professionali della sicu-rezza del lavoro e delega del Governo in materia di sorveglianza sanitaria.
  8. D.Lgs.626/94. Norme riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori sul luogo di lavoro.
  9. D.Lgs.81/08. Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro.
  10. Dul, J., Bruder, R., Buckle, P., Carayon, P., Falzon, P., Marras, W. S., ... & van der Doelen, B. (2012). A strategy for human factors/ergonomics: Developing the disci-pline and profession. Ergonomics, 55(4), 377-395., 10.1080/00140139.2012.66108DOI: 10.1080/00140139.2012.66108
  11. Fubini, E. (2009). Ergonomia antropologica (Vol. 1). Milano: FrancoAngeli.
  12. Leplat, J. (2000). L'analyse psychologique de l'activité en ergonomie - Aperçu sur son évolution, ses modèles et ses méthodes. Toulouse: Octarès Editions.
  13. Leplat, J. (Ed.). (2001). L'analyse du travail en psychologie ergonomique (2° ed.). Toulouse: Octarès.
  14. Montmollin (de), M. (1996). L'ergonomie. Paris: Editions La Découverte.
  15. Oddone, I. (1971). L'ambiente di lavoro. Roma: Centro Nazionale Formazione Sinda-cale.
  16. Oddone, I., & Re, A. (1994). Come recuperare l'expertise professionale. In P. Tran-china (Ed.), Portolano di Psicologia (pp. 277-280). Pistoia: Centro di Documenta-zione Pistoia.
  17. Oddone, I., Re, A., & Briante, G. (1981). Redécouvrir l'expérience ouvrière: Vers une autre psychologie du travail? Paris: Editions Sociales.
  18. Rapporto Annuale sull’andamento infortunistico. Retrieved from 2006, INAIL (Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro), http://www.inail.it/cms/pubblicazionieriviste/tuttititoli/rapporti/rapportoannuale/2006/pdf/AndamenInfort2006OK.pdf
  19. Re, A. (1995). Ergonomia per psicologi. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  20. Schensul, S. L., Schensul, J. J., & LeCompte, M. D. (1999). Essential ethnographic methods: Observations, interviews, and questionnaires Oxford: AltaMira Press.
  21. Terssac (de), G. (1993). Come cambia il lavoro. Efficacia, autonomia, valorizzazione delle competenze (S. Micelli, Trans.). Milano: Etaslibri. (Original work published 1992).
  22. Vasconcelos, R. J. S. D. (2008). O papel do psicólogo do trabalho e a tripolaridade dinâmica dos processos de transformação: Contributo para a promoção da segurança e saúde no trabalho. Porto: University of Porto.
  23. Wilson, J. R., & Corlett, N. (1995). Evaluation of human work. Practical ergonomics methodology. London: Taylor & Francis.

Tiziana C. Callari, Alessandra Re, in "RISORSA UOMO " 1/2012, pp. 77-86, DOI:10.3280/RU2012-001008

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche