Clicca qui per scaricare

Il corpo oggetto della colpa primaria
Titolo Rivista: RICERCA PSICOANALITICA 
Autori/Curatori: Francesco Comelli 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  24 P. 47-70 Dimensione file:  643 KB
DOI:  10.3280/RPR2014-002004
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il lavoro percorre un cammino che parte dal rapporto fra psicopatologia e cultura nella contemporaneità, individuando alcuni tratti espulsi dai contenitori culturali e riversati nella psicopatologia della massa odierna. Fra questi elementi la rimozione del "negativo", la negazione della morte e la valorizzazione di un "positivo conformistico" che si sostituisce al lavoro psichico percettivo individuale o al lavoro del sogno alfa (Bion). In questo scenario il corpo diventa un contenitore di funzioni mentali non più esperite o vissute dalla mente. È possibile che questi assetti emotivi di massa entrino nella relazione di accudimento, diventando scenari in cui i sentimenti non compatibili col materno vengono vissuti come colpa primaria dal soggetto in quanto potenzialmente distruttivi per l’insieme sé/contenitore di cui il se fa parte. A partire da queste basi viene tracciata una possibile costruzione dei dispositivi terapeutici, a partire dalle dinamiche delle equipe, per arrivare ai dispositivi individuali o di gruppo rispecchianti il soggetto. Vengono trasversalmente esaminate alcune possibili modalità di lavoro per passare dal corpo come contenitore della mente alla mente come strumento per tollerare il dolore.


Keywords: Corpo, negativo, colpa del dolore, cultura-psicopatologia, dispositivi terapeutici

  1. Ambrosiano L., Gaburri E. (2013). Pensare con Freud. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  2. Bion W.R. (1961). Trad. it.: Esperienze nei gruppi. Roma: Armando, 1990.
  3. Bion W.R. (1963). Trad. it.: Gli elementi della psicoanalisi. Roma: Armando, 2003.
  4. Bion W.R. (1967). Trad. it.: Analisi degli schizofrenici e metodo psicoanalitico. Roma: Armando, 1991.
  5. Bruni S. E., Colavero P., Nettuno A., (2010). L’animale di gruppo. Milano: Mimesis.
  6. Campione G. (2013). statidellamente.blogspot.com.
  7. Carassai R. (2013). Le emozioni nei D.C.A tra corpo e parola. http://www.psychiatry-online.it/node/1174.
  8. Comelli F. (2009). Curare istituzioni che curano. Milano: Mimesis.
  9. Comelli F. (2010). Generazioni di analisti, generazioni di pazienti: la distruttività non sim-bolizzabile nella contemporaneità. Possibili strumenti relativi all’analizzabilità. In: Ca-tullo D., Faucitano S., Nettuno A., a cura di, Forme della distruttività contemporanee e percorsi di cura. Milano: Mimesis Edizioni.
  10. Coppo P. (2003). Tra psiche e culture. Torino: Bollati Boringhieri.
  11. Corrao F. (1999). Orme. Milano: Raffaello Cortina.
  12. Faucitano S. (2010). Iper-riabilitazione, deculturazione, de-riabilitazione: tre parole chiave per un pensiero pedagogico di cura dell’anoressia bulimia come sintomo dell’accultu-razione occidentale contemporanea. In: Catullo D., Faucitano S., Nettuno A., citato.
  13. Guidotti A. (2013). L’universo delle emozioni dell’equipe medica nel rapporto terapeutico. http://www.psychiatryonline.it/node/1668.
  14. Jacobs T. J. (1999). Countertransference: Past and Present. A Review of the Concept. Int. J. of Psychoanalisys, n. 80.
  15. ‎Kancyper L. (2004). Trad. it.: Il complesso fraterno. Roma: Borla, 2007.
  16. Laplanche J. e Pontalis J.-B. (1967). Trad. it.: Enciclopedia della psicoanalisi, vol. I, Bari: Laterza, 1974.
  17. Mc Dougall J. (1989). Trad. it.: Teatri del corpo. Un approccio psicoanalitico ai disturbi psicosomatici. Milano: Raffaello Cortina, 1990.
  18. Naccari Carlizzi M., Rocchetto F., Galeota M. (2013). L’adolescente e il suo corpo. In: Carnaroli F. e Nicolò A., a cura di, Dibattiti teorico clinici. www.spiweb.it.
  19. Ogden T. (1999). Trad. it.: Reverie e Interpretazione. Roma: Astrolabio, 1999.
  20. Ponsi M. (2012). Libere associazioni, pensiero associativo. Rivista Psicoanal., 58: 291-311.
  21. Villa G. (2002). L’emarginazione della morte nel mondo contemporaneo. In: Quaderni degli Argonauti. Milano: CIS.
  22. Winnicott D.W. (1967). Trad. it: La funzione di specchio della madre e della famiglia nello sviluppo infantile. In: Gioco e realtà. Roma: Armando, 1974.

Francesco Comelli, in "RICERCA PSICOANALITICA" 2/2014, pp. 47-70, DOI:10.3280/RPR2014-002004

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche