Clicca qui per scaricare

Ciador Art: neo Orientalismo e repressione
Titolo Rivista: MONDI MIGRANTI 
Autori/Curatori: Anna Vanzan 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  14 P. 207-220 Dimensione file:  106 KB
DOI:  10.3280/MM2014-001012
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Gli artisti iraniani contemporanei sono da tempo assai apprezzati in Occidente, dove sono stati inizialmente introdotti dalle performance di Shirin Neshat, loro compatriota da decenni auto-esiliata negli Stati Uniti e resa famosa grazie alle sue foto di donne velate e ricoperte di scritte a caratteri arabo-persiani. Tale aspetto ‘esotico’, peraltro aspramente criticato in Iran, dove questa corrente neo orientalista viene bollata come ciador art, in quanto il velo ne è assoluto protagonista, continua ad essere ricercato da critici, galleristi e organizzatori di mostre in Europa, Stati Uniti e Paesi del Golfo (questi ultimi veri e propri motori di promozione dell’arte iraniana all’estero), offrendo spazio solo agli artisti che si esprimono secondo coordinate etnicamente riconoscibili; e di fatto penalizzando in questo modo quelli che intendono usare linguaggi più universali senza necessariamente ricorrere a donne velate, calligrafia arabo-persiana, o a immagini che confermino gli stereotipi radicati in Occidente rispetto alla società d’Iran, soprattutto per quanto riguarda il suo segmento femminile. L’articolo esplora i limiti etnici e di genere entro cui i mercati occidentali costringono l’arte contemporanea persiana, operando, di fatto, una vera e propria colonizzazione culturale


Keywords: Arte contemporanea persiana; ciador art; neo orientalismo; donne velate.

  1. Di Genova A. (2010). Rivolta femminile nelle foto proibite. Il Manifesto 24 aprile 2010, versione online: http://rete-eco.it/2011/fr/documenti/35-riflessioni/12986-rivolta-femminile-nelle-foto-proibite.html.
  2. Foxtrot C. (2009). ‘Like Everyday’ (2000-2001) and ‘Ghajar’ (1998-2001) Series by Shadi Ghadirian at ‘Unveiled’. Interface: Testo disponibile al sito:􀀃 http://www.a-n.co.uk/interface/reviews/single/505083.
  3. Hildebrand K. (2006). Woman: Self-Portrait. Testo disponibile al sito: http://www.kashyahildebrand.org/newyork/currentexhibition/index.html.
  4. Rounthwaite A. (2008). Veiled Subjects: Shirin Neshat and Non-liberatory Agency. Journal of Visual Culture, 7, 2: 165-80,, 10.1177/1470412908091936DOI: 10.1177/1470412908091936
  5. Said E. (1979). Orientalism. New York: Vintage Books.
  6. Vanzan A. (2012). Posht-e pardeh, Behind the Painting: Women as Art Gallery Managers in Contemporary Iran. Testo disponibile al sito: http://persiangender network.org/content?IDVIEW=186.
  7. Vanzan A. (2011). Naso e libertà. L’ossessione per la rinoplastica nell’Iran contemporaneo. Genesis, 1, 10: 99-110.
  8. Vanzan A. (2007). Le rose di Persia all’estero danno solo spine? Sguardo alla letteratura della diaspora femminile iraniana. Dossier ‘Narrative di migrazioni, diaspore ed esili’. Afriche/orienti, 2: 51-67.

Anna Vanzan, in "MONDI MIGRANTI" 1/2014, pp. 207-220, DOI:10.3280/MM2014-001012

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche