Clicca qui per scaricare

Supervisione e lavoro di gruppo nei servizi pubblici
Titolo Rivista: TERAPIA FAMILIARE 
Autori/Curatori: Roberto Mazza 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: 104 Lingua: Italiano 
Numero pagine:  30 P. 47-76 Dimensione file:  134 KB
DOI:  10.3280/TF2014-104003
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Scopo di questo lavoro è sottolineare l’importanza per i servizi pubblici psico-sociali, ma non solo, di avere uno spazio di riflessione periodico all’interno di un gruppo di supervisione interdisciplinare e - laddove sia possibile - interistituzionale, dove si possano costruire "ponti" tra servizi diversi e tra professionalità diverse, unendo le risorse che le varie formazioni possiedono, creando un "sistema" (una mente collettiva) in grado di potenziare la capacità riflessiva e di conseguenza la qualità degli interventi attraverso la comunicazione e la ritualità degli incontri.


Keywords: Supervisione, lavoro di gruppo, équipe interdisciplinari, dinamiche relazionali, servizi pubblici, formazione.

  1. Amadei G. (2005). Come si ammala la mente. Milano: Feltrinelli.
  2. Amerio P., Borgogno (1975). Introduzione alla psicologia dei piccoli gruppi: teoria sperimentazione, clinica. Torino: Giappichelli.
  3. Andolfi M. (a cura di) (1999). La crisi della coppia. Una prospettiva sistemico-relazionale. Milano: Raffaello Cortina.
  4. Andolfi M., Piccone D. (a cura di) (1985). La formazione relazionale. Roma: ITF.
  5. Applegate J.S., Bonovitz J.M. (1998). Il rapporto che aiuta, tecniche winnicottiane nel servizio sociale. Astrolabio, Roma.
  6. Bateson G. (1979). Mente e natura. Milano: Adelphi.
  7. Bion W.R. (1970). Esperienze nei gruppi. Roma: Armando.
  8. Bion W.R. (2007). Seminari Tavistock. Roma: Borla.
  9. Brignone A. (a cura di) (1999). I seminari analitici di gruppo di Giovanni Hautmann. Pisa: ETS.
  10. Bruni F., Vinci G., Vittori M.L. (2010). Lo sguardo riflesso, psicoterapia e formazione. Roma: Armando.
  11. Burck C., Daniel G. (eds.) (2010). Mirrors And Reflections. Processes Of Systemic Supervision. London: Karnac Books.
  12. Cancrini L. (1986). Dell’utilità dell’errore. La supervisione come intervento sul sistema terapeutico. Ecologia della mente, 1: 55-74.
  13. Cancrini L. (2012). La cura delle infanzie infelici. Viaggio nell’origine dell’oceano borderline. Milano: Raffaello Cortina.
  14. Carini A., Pedrocco Biancardi M.T., Soavi G. (2001). L’abuso sessuale intrafamiliare. Milano: Raffaello Cortina.
  15. Cecchin G. (1998). Revisione del concetto di ipotizzazione, circolarità, neutralità. Un invito alla curiosità. Ecologia della mente. 5.
  16. Cirillo S. (2005). Cattivi genitori. Milano: Raffaello Cortina.
  17. Cirillo S., Berrini R., Cambiaso G., Mazza R. (1996). La famiglia del tossicodipendente. Milano: Raffaello Cortina.
  18. Cirillo S., Selvini M., Sorrentino A.M. (a cura di) (2002). La terapia familiare nei servizi psichiatrici. Milano: Raffaello Cortina.
  19. Cirillo S., Selvini M., Sorrentino A.M. (2011). Il genogramma. Percorso di autoconoscenza, integrato nella formazione di base dello psicoterapeuta. Terapia Familiare, 97: 5-28., 10.3280/TF2011-09700DOI: 10.3280/TF2011-09700
  20. Coletti M. (1996). Supervisione diretta e formazione: I didatti del centro Studi a colloquio con Marianne Walthers. Ecologia della mente, 2: 159-170.
  21. Cotugno A. (2002). Pensare in supervisione. Psicobiettivo, 3: 41-60.
  22. de Bernart R., Dobrowolski C. (1996). La supervisione clinica nel training. Terapia Familiare, 52: 93-106.
  23. Di Blasio P. (2004). Protocollo sui fattori di rischio e fattori protettivi nella valutazione psico-sociale dei minori e delle famiglie. Centro di Ricerche sulle Tecnologie dell’istruzione. Milano: Università Cattolica. Fruggeri L. (2005). Diverse normalità. Psicologia sociale delle relazioni familiari. Roma: Carocci.
  24. Endelson M. (1986). Ipotesi e prova in psicoanalisi. Roma: Astrolabio.
  25. Ghezzi D. (2004). Terapia con le coppie. Un protocollo consolidato. Terapia Familiare, 74: 11-41.
  26. Gurman A.S., Kniskern D.P. (a cura di Paolo Bertrando) (1995). Manuale di terapia della famiglia. Torino: Bollati Boringhieri
  27. Hugo V.M. (1867). Paris (trad. it. di Jaqueline Risset, Roma: Editori Riuniti, 2011).
  28. Kagan J. (2012). Prefazione a Van der Horst, John Bowlby. Milano: Raffaello Cortina.
  29. Lewin K. (1951). Field theory in social science. New York: Harper e Row (trad. it.: Teoria e sperimentazione in psicologia sociale. Bologna: Il Mulino, 1972).
  30. Liddle H.A. (1995). Formazione e supervisione in terapia della famiglia. In: Gurman A.S., Kniskern D.P., pp. 556-607.
  31. Linares J.L., Campo C. (2000). Dietro le rispettabili apparenze. I disturbi depressivi nella prospettiva relazionale. Milano: Franco Angeli.
  32. Malacrea M. (1998). Trauma e riparazione. Milano: Raffaello Cortina.
  33. Mazza R. (2011). Come coniugare la protezione dei minori ed il trattamento dei genitori tossicodipendenti. Terapia familiare, 95: 21-43.
  34. , 10.3280/TF2011-09500DOI: 10.3280/TF2011-09500
  35. Mazza R. (2012). Notes on a Possible “Post-University” Program of Psycho-Social Training. In: Salvini A., Andersen A.J.W., Interactions, healt and community. Pisa: Plus.
  36. Onnis L. (a cura di) (2010). Lo specchio interno, La formazione personale del terapeuta sistemico in una prospettiva europea. Milano: FrancoAngeli.
  37. Popper K.R. (1984). Poscritto alla logica della scoperta scientifica, vol. 1: Il realismo e lo scopo della scienza. Milano: Il Saggiatore.
  38. Rouzel J. (2007). La supervision d’équipes en travail social. Dunod, Paris.
  39. Scabini E., Cigoli V. (2012). Alla ricerca del familiare. Il modello relazionale simbolico. Milano: Raffaello Cortina.
  40. Selvini M. (2005). Reinventare la psicoterapia. Milano: Raffaello Cortina.
  41. Selvini Palazzoli M. (1981). Sul fronte dell’organizzazione. Strategie e tattiche. Milano: Feltrinelli.
  42. Selvini Palazzoli M., Cirillo S., Ghezzi D. et al. (1976). Il mago smagato. Milano: Feltrinelli.
  43. Selvini Palazzoli M., Boscolo L., Cecchin G., Prata G. (1980). Ipotizzazione circolarità neutralità. Tre direttive per la conduzione della seduta. Terapia Familiare, 7: 7-19.
  44. Selvini M., Selvini Palazzoli M. (1989). Il lavoro in équipe: strumento insostituibile per la ricerca clinica mediante la terapia familiare. Ecologia della mente, 4: 54-76.
  45. Selvini Palazzoli M., Cirillo S., Selvini M., Sorrentino A.M. (1998). Ragazze anoressiche e bulimiche. Milano: Raffaello Cortina Sorrentino A.M. (2002). Figli disabili. La famiglia di fronte all’handicap. Milano: Raffaello Cortina.
  46. Stoppa F. (2007). La prima curva dopo il paradiso. Roma: Borla.
  47. Smith E.R., Mackie D.M. (2000). Social Psychology, Taylor e Francis (trad. it.: Psicologia sociale. Torino: Zanichelli).
  48. Telfner U. (2011). Apprendere i contesti. Milano: Raffaello Cortina.
  49. Ugazio V. (1998). Storie permesse storie proibite. Torino: Bollati Boringhieri.
  50. Van Cutsen C. (1999). Le famiglie ricomposte. Milano: Raffaello Cortina.
  51. Vannotti M. (2012). La formazione alla prova del saper essere. In: Goldbeter E., Onnis L. et al., La terapia familiare in Europa. Invenzione a cinque voci. Milano: FrancoAngeli.
  52. Viaro M. et al. (2011). Formazione e identità sistemiche. Terapia Familiare, 96: 5-24., 10.3280/TF2011-0960DOI: 10.3280/TF2011-0960
  53. Walsh F. (2008). La resilienza familiare. Milano: Raffaello Cortina

Roberto Mazza, in "TERAPIA FAMILIARE" 104/2014, pp. 47-76, DOI:10.3280/TF2014-104003

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche