Clicca qui per scaricare

Cyberbullismo e video peer education
Titolo Rivista: PSICOLOGIA DI COMUNITA’ 
Autori/Curatori:  Gioacchino Lavanco, Cinzia Novara, Cinzia Amoroso 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  10 P. 81-90 Dimensione file:  59 KB
DOI:  10.3280/PSC2014-001007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Lo scopo di questo articolo - attraverso un processo di ricerca-azione che coinvolge un campione di 243 soggetti pre-adolescenti ed adolescenti - è quello di sottolineare come il mezzo informatico può essere causa di aggressioni, molestie, offese; ma allo stesso tempo, utilizzato come fonte di nuove strategie comunicative, di interazione gruppale e di intervento educativo in comunità virtuali. Il cyberbullismo si materializza nella vita delle vittime in ogni momento della giornata e attraverso diverse realtà (video, foto, mail, chatroom, sms, chiamate telefoniche, ecc.). Uno dei metodi di prevenzione, che guarda alle dinamiche di gruppo ed alle tecnologie mediali come fonte educative, è la video peer education. L’utilizzo di materiali online come metodo di prevenzione e sensibilizzazione delle agenzie educative e degli stessi fautori e/o vittime del cyberbullismo.


Keywords: Cyberbullismo, bullismo tradizionale, prevenzione, video peer education, nuove realtà gruppali, moderne dimensioni educative.

  1. Croce M. e Gnemmi A., a cura di (2003). Peer education. Adolescenti protagonisti della prevenzione. Milano: Franco Angeli.
  2. Direttiva Ministeriale 3 Dicembre 1999, n.292, testo disponibile al sito:
  3. www.edscuola.it.
  4. Erdur-Baker Ö. and Kavşut F. (2007). Cyber bullying: a new face of peer bullying. Egitim Arastirmalari-Eurasian Journal of Educational Research, 27: 31-42, testo disponibile al sito: http://www.ejer.com.tr/index.php?git=archives&categori=62.
  5. Ekşi F. (2012). Examination of narcissistic personality traits’ predicting level of in- ternet addiction and cyber bullying through path analysis. Educational sciences: Theory and Practice, 12(3): 1694-1706, testo disponibile su http://files.eric.ed.gov/fulltext/EJ1000892.pdf.
  6. Fedeli D. (2007a). Il bullismo: oltre. Vol. 1: Dai miti alla realtà: la comprensione del fenomeno. Brescia: Vannini.
  7. Fedeli D. (2007b). Il bullismo: oltre. Vol. 2: Verso una scuola prosociale: strategie preventive e di intervento sulla crisi. Brescia: Vannini.
  8. Fedi A. e Mandalà M. (2005). La peer education: una prospettiva socio-educativa di lavoro con i giovani. In: Fedi A., a cura di, Partecipare il lavoro sociale. Esperienze, metodi, percorsi. Milano: Franco Angeli, cap. 2, pp. 44-57.
  9. Fonzi A. (2006). Bullismo. La storia continua… dal gioco crudele alla crudeltà violenta. Psicologia contemporanea, 197: 28-36.
  10. Hinduja S. and Patchin J.W. (2008). Personal Information of Adolescents on the Internet: A Quantitative Content Analysis of Overview of Cyberbullying MySpace. Journal of Adolescence, 31(1): 125-146., 10.1016/j.adolescence.2007.05.004,testodisponibilealsito:http://sfcs.cals.arizona.edu/azsearch/sites/sfcs.cals.arizona.edu.azsearch/files/Hinduja,%202008.pdfDOI: 10.1016/j.adolescence.2007.05.004,testodisponibilealsito:http://sfcs.cals.arizona.edu/azsearch/sites/sfcs.cals.arizona.edu.azsearch/files/Hinduja,%202008.pdf
  11. Lavanco G., Mandalà M. e Messina S. (2008). Peer or poor education? Quando il lavoro con i pari non basta. Quaderni di Animazione Sociale. Torino: Gruppo Abele, 153-160.
  12. Li Q. (2007). Bullying in the new playground: Research into cyberbullying and cyber victimisation. Australasian Journal of Educational Technology, 23(4): 435-454, testo disponibile al sito: http://www.ascilite.org.au/ajet/ajet23/li.html.
  13. Marini F. e Mameli C. (2004). Bullismo e adolescenza. Roma: Carocci.
  14. Menesini E. (2007). Strategie antibullismo. Psicologia contemporanea, 200: 18-25.
  15. Pisano L. e Saturno M.E. (2007). Prepotenze, devianza, criminalità minorile, psicopatologia: i confini incerti e confusi del bullismo. Cagliari: Punto di fuga.
  16. Pisano L. e Saturno M.E. (2008). Le prepotenze che non terminano mai. Psicologia contemporanea, 210: 40-45.
  17. Sutton J., Smith P.K. and Swettenham J. (1999). Bullying and “theory of mind”: a critique of the “social skills deficit” view of anti-social behaviour. Social Developmental, 8: 117-134.
  18. Vergati S. (2003). Bully kids. Socializzazione disadattate e bullismo fra i preadolescenti. Catania/Roma: Bonanno Editore.

Gioacchino Lavanco, Cinzia Novara, Cinzia Amoroso, in "PSICOLOGIA DI COMUNITA’" 1/2014, pp. 81-90, DOI:10.3280/PSC2014-001007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche