Clicca qui per scaricare

Una storia di non linearità
Titolo Rivista: RICERCA PSICOANALITICA 
Autori/Curatori: Marcello Florita 
Anno di pubblicazione:  2014 Fascicolo: Lingua: Italiano 
Numero pagine:  13 P. 63-75 Dimensione file:  85 KB
DOI:  10.3280/RPR2014-003007
Il DOI è il codice a barre della proprietà intellettuale: per saperne di più:  clicca qui   qui 


Il modello dei sistemi dinamici complessi e il paradigma della complessità offrono degli spunti interessanti per riflettere sui presupposti teorici e pratici inserenti alla psicoanalisi. In questo articolo ci si sofferma in particolare sull’argomento della non linearità dei sistemi viventi, intesa come superamento del modello deterministico, unifattoriale e prevedibile della realtà. Attraverso il caso clinico di Alessandro vengono tratti degli spunti interessanti sul tema della diagnosi, della teoria psicoanalitica e dell’attitudine mentale che può aiutare divincolarsi oltre i limiti del modello lineare.


Keywords: Sistemi dinamici complessi, non linearità, paradigma di complessità, sistemi viventi, diagnosi, teoria psicoanalitica

  1. Amietta P. L. (1991). La creatività come necessità. Il nuovo manager tra creazione complessità e carisma. Milano: Etas.
  2. Bion W. R. (2005). The italian seminars. London: Karnac.
  3. Bocchi G., Ceruti M. (1985). La sfida della complessità. Milano: Bruno Mondadori.
  4. Buiatti M. (1990). Il pianeta imprevedibile. L’Unità, 16-2-1990.
  5. Carotenuto A. (1999). La nostalgia della memoria. Milano: Bompiani.
  6. Damasio A. R. (1995). Trad. it.: L’errore di Cartesio. Milano: Adelphi, 2008.
  7. Florini V., Morgavi G. (1999). Il colloquio come percorso comunicativo, in: Capello C. (a cura di). Dal colloquio al testo. Ricerca e formazione: la risorsa formativa della scrittura. Torino: Utet.
  8. Florita M. (2012). Alice, il porcospino e il fenicottero. Rimini: Guaraldi. Gabbard G. O. (2007). “Vivere chiusi nel guscio di una noce”: pensieri sulla complessità, sul riduzionismo e sullo “spazio infinito”. International Journal of Psychoanalis, 88, pp. 559-574., 10.1516/E8U0-G516-98G4-11P7DOI: 10.1516/E8U0-G516-98G4-11P7
  9. Gould S. J. (1990). La vita meravigliosa. Milano: Feltrinelli.
  10. Morin E. (1984). Sur la définition de la complexité. Communication au colloque “Science et pratique de la complexité”. In: Bocchi G. e Ceruti M., La sfida della complessità. Milano: Feltrinelli.
  11. Poland W. S. (2000). The analyst’s witnessing and otherness. Journal of the American Psychoanalitic Association, 48, pp. 17-34.
  12. Vattimo G., Rovatti P. A., a cura di (1983). Il pensiero debole. Milano: Feltrinelli.
  13. Wittgenstein L. (1980). Pensieri diversi. Milano: Adelphi.

Marcello Florita, in "RICERCA PSICOANALITICA" 3/2014, pp. 63-75, DOI:10.3280/RPR2014-003007

   

FrancoAngeli è membro della Publishers International Linking Association associazione indipendente e no profit per facilitare l'accesso degli studiosi ai contenuti digitali nelle pubblicazioni professionali e scientifiche